La Paella – La sua storia e altre curiosità

La "paella", piatto tipico di Valencia, è diventata nel corso del tempo un punto di riferimento della gastronomia spagnola. Ma vediamo qual è la sua storia, le sue caratteristiche e la tradizione che si tramanda da moltissimi anni da padre a figli.
La Paella - Storia e curiosità

Come da definizione di piatti popolari, anche la paella è l’unione degli elementi culinari che ogni popolo ha intorno a sé stesso. Infatti, la zona di Valencia è sempre stata ricca di verdure fresche grazie alla campagna valenciana, di polli, conigli e anatre per quanto riguarda la carne, e la vicinanza della zona denominata “Albufera” (che tradotto significa laguna), caratterizzata dalla presenza di risaie, soddisfano le condizioni necessarie per la creazione di questo gran piatto.

La “paella”, un piatto che prende nome dal recipiente in cui viene cucinato

L’origine del nome del piatto più famoso della cucina spagnola proviene dal nome della pentola nella quale si cucina, la paella. Parliamo di una padella alla quale è stato tolto il manico per sostituirlo con due maniglie (di più se il diametro aumenta) in grado di sostenere il peso della pietanza, possiede un diametro minimo di 20 cm e, a seconda di questo, varia l’altezza dei bordi e di conseguenza anche il numero delle razioni da poter servire. Una paella di 20 cm è indicata per una razione, di 28 cm per due razioni, di 30 per 3, di 40 per 8 e di 55 per 15 e così via fino ad arrivare a quelle gigantesche utilizzate nel corso di sagre paesane o avvenimenti particolari, come ad esempio partecipare al concorso dei “Guiness dei primati”.

Il materiale principale con il quale viene fabbricata una padella di qualità è il ferro lavorato a mano o in acciaio. Logicamente al giorno d’oggi i materiali in commercio sono molti e svariati.

Quando nasce?

Possiamo datare la nascita della paella tra il secolo XV e XVI, per la necessità dei contadini e pastori di avere un pranzo facile da trasportare e composto da ingredienti presenti attorno a loro. Abbiamo dedicato un articolo per descrivere gli ingredienti e la ricetta della paella valenciana. Per quanto riguarda la “paella de marisco”, di pesce, non abbiamo date certe per segnalare la sua origine, ma la possiamo definire come versione della costa alternativa a quella della campagna.

La tradizione vuole che la paella venga cucinata all’aria aperta e possibilmente con legna d’arancio, che a Valencia è facile trovare. Questa legna, a parte dare alla pietanza un certo aroma, ha la caratteristica di mantenere un fuoco costante e facile da controllare, visto che in molte parti dell’elaborazione del piatto, bisogna regolarne il calore. Quando non è possibile utilizzare la legna il sistema più utilizzato è una serpentina circolare e a gas per distribuire equamente il calore a tutta la paella e chiamata “paellero”. Come da foto, consiste in tre anelli regolabili in cui passa il gas.

Curiosità del mondo della paella

La paella è un piatto tipico da consumare a pranzo e non a cena. Attenzione ai ristoranti o bar che la propongono anche di sera, dobbiamo verificare che non venga riscaldata quella cucinata a pranzo.

Il giorno in cui i valenciani si ritrovano attorno al fuoco ed in famiglia per mangiare una paella è la domenica a pranzo, per le caratteristiche festive di questa giorno della settimana. Meno chiara è la motivazione per cui la paella veniva consumata anche il giovedì. Due le ipotesi, una che fa riferimento ai ritardi di consegna del pesce, per preparare il brodo, che non arrivava ai paesi dell’entroterra prima del giovedì e un’altra dell’epoca franchista, quando alcuni domestici avevano il giorno libero proprio il giovedì, lasciando per la notte del mercoledì tutti gl’ingredienti pronti per agevolare la “signora” di casa, ignara dei segreti della cucina, che doveva solo preparare il riso, amalgamare e far riposare.

La cultura del riso

La paella possiede un riconoscimento in tutto il mondo e moltissimi sono gli avvenimenti e feste paesane che sono caratterizzati dal “mangiare assieme la paella”, molte volte cucinata in strada o in aree adibite. Date una letta all’articolo “La paella come aggregazione di persone”.

Molte sono le varianti della paella, che viene considerata all’interno dei metodi di cottura come “arroz seco”, di pesce, di carne, mista o di sole verdure. Ma ricordiamo che quella originale è la valenciana cucinata con pollo, coniglio e verdure. Consigliamo di leggere l’articolo “Il riso a Valencia” dove parliamo della cultura valenciana in relazione al famoso cereale, i suoi metodi di cottura e le varietà locali protette dalla Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia”. Se invece volete conoscere la ricetta originale della paella valenciana e apprendere il metodo di elaborazione della stessa l’articolo di riferimento è “La paella – Ingredienti e ricetta”.

Altre informazioni sulla “paella” valenciana potete leggerle nel sito web lapaella.net, su Wikipedia in lingua spagnola o su Wikipedia in italiano.

Qual è la paella più grande cucinata della storia?

Nel libro dei Guinness dei primati più volte appare come protagonista il piatto tipico della gastronomia valenciana e spagnola in generale. Puoi trovare le caratteristiche e le stranezze di questi record nell’articolo “Paella gigante – Guinness dei primati”.

Condividi con i tuoi amici:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Portal de Valldigna
Monumenti e luoghi di interesse

Portal de Valldigna – Accesso al quartiere arabo

Il portale prende il nome dal Monaterio “di Santa Maria de la Valldigna” che si trovava di fronte. Aperta nella muraglia araba, era la porta di accesso al quartiere arabo dal 1400.

Turia - Gran Riada de Valencia
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

L’inondazione di Valencia, 14 ottobre 1957. Un dramma che ha dato inizio ad una gran trasformazione

Passeggiare, rilassarsi o praticare qualsiasi attività sportiva o artistica dentro i giardini del Turia, sono diventate attività all’ordine del giorno nella città di Valencia, sia per chi in città ci vive sia per chi viene a visitarla, a conoscerla. Il progetto paesaggistico di questi giardini nasce da un dramma accaduto il 14 ottobre 1957, conosciuto come la “gran riada de Valencia”.

Museo del riso

Interessante il museo del “arroz” di Valencia, per il suo contenuto didattico che viene proposto all’interno di un vecchio mulino e la storia del cereale in relazione alla cultura valenciana. È Possibile conoscere la lavorazione del riso, dalla raccolta al suo commercio.

Dormire a Valencia
Consigli pratici

Come cercare stanza o appartamento per dormire a Valencia

Cercare un alloggio a Valencia, un appartamento o una stanza, è diventato leggermente più complicato rispetto alcuni anni fa. La città è cresciuta molto e il turismo si sta sviluppando con una gran velocità, fattori che hanno portato ad un aumento dei prezzi di affitto.

Comprare casa al mare con Go Cabanyal
Servizio immobiliare

Agenzia Go Cabanyal – Per affittare o comprare casa al mare

Utile ricevere informazioni corrette riguardo quello che si può o non si può fare una volta comprato casa al mare a Valencia. Nei quartieri marittimi per eccellenza della città di Valencia che vogliono mantenere la propria autenticità e bellezza artistica. Una agenzia immobiliare specializzata in questa zona ci viene incontro con tutti i servizi ed informazioni di cui abbiamo bisogno.

Il giorno dei Santi Innocenti
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Il giorno dei Santi Innocenti

In Spagna non viene festeggiato il “Pesce di aprile”, ma bensì il “Giorno dei Santi Innocenti”, infatti l’usanza di fare scherzi, e l’idea di accettarli come tali, ricorre ogni 28 dicembre. L’origine di questa festa è la combinazione di una tradizione cristiana con una pagana.