La lotteria di Natale

In Spagna la più popolare e di conseguenza la più venduta è la lotteria di Natale che avviene il giorno 22 di Dicembre e si svolge normalmente nel salone "Loterías y Apuestas del Estado” nella capitale spagnola, Madrid.
La lotteria di Natale

Quando nasce la famosa Lotteria di Natale spagnola?

Anche in Spagna, come in Italia, esistono moltissimi giochi e lotterie nazionali gestite dall’Ente Statale per le lotterie e scommesse dello Stato. In Spagna la più popolare e di conseguenza la più venduta è la lotteria di Natale. L’estrazione avviene il giorno 22 di dicembre e si svolge normalmente nel salone “Loterías y Apuestas del Estado” di Madrid o altri luoghi come il teatro centrale, sempre nella capitale spagnola.

L’origine della lotteria risale a tempi antichi, parliamo dei primi anni del 1800, e nasce per aumentare le entrate pubbliche senza però pesar troppo sui contribuenti, nasce per esigenze economiche dello Stato. Il primo sorteggio di quella che sarebbe poi diventata nota come Lotteria di Natale ebbe luogo il 18 dicembre 1811.
Si chiamava ‘Lotteria Moderna’ e l’attuale denominazione “Sorte de Navidad” fu stabilita il 23 dicembre 1892 e dopo cinque anni si cominciò a stampare il nome sui biglietti.

L’aspetto più curioso di questa estrazione: la metodologia di sorteggio

Alle ore 8 del giorno 22 dicembre comincia la giornata facendo entrare gli spettatori in sala (limite massimo uguale alla capienza dell’aula). Alle 8.30 si costituisce la Giunta che presiede e autorizza il sorteggio.
Dopo aver mostrato al pubblico le palline numerate, quest’ultime vengono trasportate meccanicamente al contenitore ufficiale che praticamente è una sfera trasparente, chiamata “bombo”.  Stesso procedimento, in un bombo differente, per quanto riguarda i premi.
Una volta terminato il trasporto dei numeri e dei premi, i contenitori cominciano a girare per iniziare a mescolare le diverse palline.

Il canto dei numeri e dei premi della lotteria di Natale

Un bambin@ del collegio di San Ildefonso estrae una pallina contenente un numero e un altro bambin@ estrae il premio associato, dopodiché entrambi cantano le differenti cifre.
Il sorteggio si conclude al termine delle palline dei premi.
Quando diciamo che i bimbi cantano i numeri ed i premi, non scherziamo. La cantilena entra direttamente nell’orecchio e molte persone per tutto il giorno continuano ad intonarla. Vi assicuriamo che il sistema è curioso, ma la durata è di svariate ore.

Per meglio capire di che cosa stiamo parlando proponiamo la visione di questo video:

Perchè sono i bimbi del Collegio di” San Ildefonso” gl’incaricati a cantare i premi?

Non è certo il perché, però esistono varie teorie al rispetto: una delle più seguite ci dice che questi bimbi in passato avevano l’abitudine di cantare la dottrina cristiana per le vie della città e furono scelti dai responsabili della lotteria per due motivi. In primo luogo perché venivano da un’istituzione di prestigio e in secondo luogo perché l’essere bambini orfani permetteva di non tenere relazioni con il possibile vincitore.

Il primo premio “El Gordo”

I biglietti della lotteria vengono già venduti dai primi mesi estivi e le estrazioni vincenti distribuiscono quasi il 70% del ricavato. Questo è uno dei motivi importanti per il quale questa lotteria è tra le più famose e seguite.

Il biglietto viene definito “decimo” perché lo scommettitore gioca la decima parte del valore di un numero e ogni numero possiede la sua serie. Il valore del decimo di numero è pari a 20 €.

Ad esempio vediamo i dati per l’estrazione definita del 2018:
Esistono 170 serie da 100 mila numeri/biglietti cada una, il prezzo del numero/biglietto è di 200 € suddiviso in decimi da 20 €. Quindi il totale di biglietti emessi ha un valore di 3400 milioni di euro. La somma totale destinata ai premi è di 2.380 milioni di euro.

“El gordo de Navidad”, cioè il primo premio, viene pagato 4 milioni di euro

Guardate questo video dove è possibile notare l’emozione delle bimbe nel cantare il primo premio:

Le “partecipazioni” tra privati regolate dallo stato

Una particolarità della lotteria di Natale è che lo Stato permette e regola la vendita di partecipazioni di un numero o più numeri. A farlo però deve essere un privato, le società di gioco non possono per Legge vendere partecipazioni. Passeggiando per le strade di Valencia è possibile vedere all’esterno o all’interno di locali o negozi un numero della lotteria. Questo significa che è possibile partecipare alla possibile vincita del numero esposto, basta entrare e chiedere di comprare una partecipazione.

Buona fortuna!

Condividi con i tuoi amici:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Museo del riso

Interessante il museo del “arroz” di Valencia, per il suo contenuto didattico che viene proposto all’interno di un vecchio mulino e la storia del cereale in relazione alla cultura valenciana. È Possibile conoscere la lavorazione del riso, dalla raccolta al suo commercio.

Torres de Serranos - Monumento di Valencia
Monumenti e luoghi di interesse

Torres de Serranos

Queste torri erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia. Le funzioni, oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, erano anche di magazzino e carcere femminile. L’inizio dei lavori di costruzione risale al 1441 e si diedero per terminate nel 1460.

salsa All i Oli o Ajoaceite
Piatti tipici e bevande tipiche

Salsa “All i Oli” o “Ajoaceite”

Consiste nell’emulsione di olio d’oliva e aglio e accompagna moltissime pietanze, da piatti di riso a tapas, per gratinare tranci di pesce come il baccalà, per dar sapore al fritto di pesce oppure semplicemente servito con del pane tostato.

Programma del 9 ottobre 2019
Eventi Valencia

Programma eventi celebrazione 9 ottobre

In attesa della festa della Comunità Valenciana del 9 ottobre, che ricorda l’entrata storica di Re Jaime I nella città di Valencia con la conseguente sconfitta dell’impero arabo nel 1238, la Federazione Valenciana dei Mori e Cristiani organizza due spettacolari eventi: “Embaixades De La Conquesta” e “Alardo De Arcabuceria”.

IVAM – Istituto Valenciano di Arte Moderna

L’istituto valenciano, che possiede come fine la ricerca e la diffusione dell’arte moderna, è stato inaugurato nel 1989 ed è suddiviso in otto gallerie destinate alle collezioni del museo e alle esposizioni temporali. Al suo interno vengono organizzate diverse attività didattiche.

Hemisferic - Sala per proiezioni
Città delle Arti e delle Scienze

Hemisferic – Sala per proiezioni

Elemento architettonico che rappresenta un gigantesco occhio che si ricompone con lo specchiarsi nell’acqua, “l’occhio della scienza”, ha funzione di entrata alla cupola della sala cinematografica che possiede uno schermo concavo di 900 m². Inizio dei lavori nel 1995 e inaugurazione nel 1998.