Parco Naturale Albufera

Il parco naturale Albufera è una laguna poco profonda situata a sud della città. Si trova a una quindicina di km dal centro di Valencia, possiede un grande interesse eco-ambientale ed è luogo per svernare per molte specie di volatili. La zona limitrofe viene definita come la "culla della paella".
Parco naturale Albufera - Giardini e parchi

Il Parco Naturale dell’Albufera, con una superficie di circa 21mila ettari, è una delle più importanti zone umide d’Europa. Si trova a pochi km dal centro di Valencia e possiede un grande interesse eco-ambientale.

Tre ecosistemi diferenti compongono il Parco Naturale

Al suo interno possiamo distinguere tre ecosistemi diversi. Il lago, che è il cuore di questo ambiente naturale. Ha una superficie di circa 2mila ettari e possiede una profondità media di circa un metro. Intorno al lago troviamo il secondo ecosistema, formato dalla palude e dalle sue risaie. Il lago è separato dal mare dalla “Devesa”, il terzo ecosistema del Parco Naturale dell’Albufera e uno dei boschi della costa più preziosi del Mediterraneo.
Il lago comunica con il mare attraverso tre canali di drenaggio, chiamati “golas”. La “gola de El Pujol”, la “gola del Perellonet” e la “gola de El Perelló” regolano il livello dell’acqua del lago per mezzo di paratoie, che, quando sono chiuse, permettono l’allagamento delle risaie.

Nonostante la sua origine e il suo legame con il mare, l’acqua del lago è dolce. Il lago si trova ad un metro sopra il livello del mare e questo non permette all’acqua salata del mare di entrare nel bacino del lago. Quest’ultimo e le risaie ricevono l’acqua dei fiumi Júcar e Turia.

Intorno al lago, cuore del Parco Naturale dell’Albufera, si trova uno dei paesaggi più tradizionali del Mediterraneo spagnolo e una delle aree di maggiore valore ecologico di tutta la penisola iberica. Tuttavia, questo tesoro della biodiversità è sotto pressione per le grandi città che lo circondano e per la conseguente eutrofizzazione che non gli permette di raggiungere il suo vero potenziale ecologico. Per questo motivo, anno dopo anno, sono necessari interventi per migliorare la qualità e la quantità dell’acqua che lo alimenta.

Ricordiamo che l’eutrofizzazione è un arricchimento delle acque in sali nutritivi che provoca cambiamenti strutturali all’ecosistema come: l’incremento della produzione di alghe e piante acquatiche, l’impoverimento delle specie ittiche, la generale degradazione della qualità dell’acqua ed altri effetti che ne riducono e precludono l’uso.

L’origine del lago dell’Albufera

L’origine del lago risale a più di un milione di anni fa. La sua formazione è il risultato della chiusura di un golfo marino da parte di un’ampia fascia costiera. Le montagne che circondavano questo golfo si stavano erodendo e i fiumi, specialmente il Turia, contribuirono a trasportare i sedimenti al mare.

Le correnti marine hanno permesso il deposito di questi sedimenti vicino alla costa, creando una fascia di sabbia e detriti che sono emersi, nel tempo, sopra il livello del mare. Su questa “fascia” si formarono dune e crebbe la vegetazione che conosciamo attualmente. Il lago rimase così isolato e la sua comunicazione con il mare drasticamente ridotta.

Sia l’insediamento romano che quello arabo lasciarono traccia della loro ammirazione per la bellezza del lago e dei suoi dintorni. Ma i primi chiari riferimenti al lago li troviamo dopo la “Reconquista” del 1238, quando Re Jaime I sì riservò la proprietà della zona dell’Albufera, della sua “Devesa”, e dei suoi prodotti derivati dalla pesca e dalla caccia. Poco a poco, la coltivazione del riso cominciò ad imporsi e la sua espansione cominciò gradualmente a ridurre la superficie del lago.

Nel 1927, Re Alfonso XIII concesse l’Albufera al Comune di Valencia, ma a quel tempo il lago si era già ridotto del 90% rispetto alla sua area originale.

Un Parco Naturale con edifici e strade al suo interno

Quando si arriva nella zona del paese conosciuto con il nome El Saler, centro abitato che troviamo ad una decina di km dal centro di Valencia, è possibile sorprendersi e scoprire alti edifici che spuntano dalle fronde degli alberi e dalla vegetazione tipica della zona della “Devesa”. Questi stabili sono la testimonianza degl’anni 60/70 quando tutta la zona era sul punto di essere trasformata in un complesso turistico e residenziale. Fortunatamente il progetto non fu mai completamente terminato.

In quegli anni, nel bel mezzo del “boom” turistico spagnolo, la “Devesa” subì un processo urbanistico sconveniente per il suo valore ambientale. Il progetto prevedeva numerose torri di appartamenti, un grande sistema stradale, un porto turistico circondato da case di lusso e persino un ippodromo.

Fortunatamente, la pressione popolare, unita allo slogan “El Saler per al poble”, riuscì a fermare questo usurpo della natura, in un movimento ambientalista senza precedenti. Ma, nonostante ciò, molte cose erano cambiate nella “Devesa”: strade, parcheggi, acqua potabile e reti fognarie, complessi residenziali e un lungomare erano stati costruiti. Inoltre, gran parte delle dune furono distrutte ed il sottobosco compromesso; il terreno fu livellato e la caratteristica morfologia ondulatoria dell’ambiente scomparse.

Allo stesso tempo, tutta la zona Albufera ha vissuto i suoi anni più bui. I centri urbani e gli insediamenti industriali installati nei dintorni scaricavano le loro acque residue direttamente nel lago. In pochi anni, si è passati da un’acqua trasparente con una grande varietà di piante e animali ad un’acqua verde e torbida dovuta alla proliferazione del fitoplancton. Le piante acquatiche e un gran numero di specie animali furono perse.

Il tentativo di recupero dell’ecosistema e la dichiarazione di Parco Naturale

Dall’inizio degli anni ’80 il Comune di Valencia ha iniziato un processo, che continua ancora oggi, per recuperare questi preziosi ecosistemi. Il cammino è ancora lungo, ma dà speranza l’attitudine delle persone che vivono all’interno dell’Albufera, persone che possiedono la forza e la volontà di proteggere l’ambiente, la flora e la fauna che sempre li ha accompagnati.

Questo processo da parte del Comune cominciò con la paralizzazione del piano di urbanizzazione, precedentemente citato, e continuò con una serie di procedure per ottenere la massima protezione della zona. A distanza di anni, le diverse azioni burocratiche portarono, nel 1986, il governo della Comunità Valenciana a dichiarare, i 21mila ettari di superficie occupati dal lago, dalla “Devesa” e dalle risaie, Parco Naturale dell’Albufera.

Tra le varie azioni fu realizzato un osservatorio ornitologico e una riserva naturale, rigenerate parte delle dune e migliorato il sistema di depurazione dell’acqua urbane. Un sito web interessante e che analizza minuziosamente l’Albufera e propone moltissime informazioni è quello della stessa Comunità Valenciana.

Dal 1990 il Parco Naturale dell’Albufera è stato inserito nell’elenco delle zone umide di importanza internazionale per quanto riguarda gli uccelli. Poco dopo è stato inserito nella “Rete Natura 2000” che raggruppa le aree europee di maggior valore ecologico. Nell’ambito di questo l’Albufera è stata dichiarata zona di Protezione Speciale per gli Uccelli e proposta come luogo di interesse comunitario.

I paesi che si trovano all’interno del Parco Naturale

Consigliamo di visitare la zona del Parco Naturale Albufera ed i diversi paeselli che si trovano al suo interno. Paesi peculiari nei quali è consigliato avvicinarsi per mangiare un buon piatto a base di riso, molti ristoratori sono anche agricoltori e produttori di riso. Logicamente è possibile provare anche tanti altri piatti, oltre la paella e pietanze a base di riso, visto che la zona vive di caccia, pesca ed agricoltura. Tre settori che danno infinite possibilità di combinazioni culinarie.

Pinedo, El Saler, El Palmar, El Perelló e El Perellonet, sono paesi che si trovano tra il mare ed il lago dell’Albufera. Tra questi, El Palmar, si trova in una lingua di terra circondata dalle acque del lago.
Una delle attività simpatiche ed interessanti che si possono svolgere nella zona è un giro in barca dentro il lago dell’Albufera. Se scegliete bene l’azienda o la persona che compie questo tour vi ritroverete a vivere una esperienza unica grazie alle informazioni che è possibile ricevere mentre si naviga. Contattateci.

Come arrivare all’Albufera

Negl’ultimi anni la rete di trasporti, che collega Valencia con i paesi marittimi a sud della città, è stata potenziata, anche se, ha dei margini di miglioramento notevoli. La linea autobus, che ci permette di arrivare in queste zone, è la 25. Consigliamo di leggere l’articolo “Come arrivare all’Albufera? Nella zona di mare a sud di Valencia” per meglio conoscere i dettagli riguardo i metodi di trasporto consigliati. Arriva nella zona anche la pista ciclabile che parte dalla Città delle Arti e delle Scienze. Un’ottima pedalata che ci porta all’interno della “Devesa” e con la possibilità di percorrere diversi km lungo le spiagge naturali che caratterizzano la zona. Logicamente anche il taxi, la propria auto e lo scooter affittato possono essere metodi comodi per arrivare in maniera sicuramente più veloce.

Chi porta i doni a Valencia? I Re Magi
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Chi porta i doni? I Re Magi o Babbo Natale

In Spagna la tradizione dello scambio dei regali nel periodo natalizio avviene tra la notte del 5 gennaio e il 6, giorno dei Re Magi, “de los Reyes Magos”. La tradizione vuole che nelle città vengano organizzate diverse sfilate dove vengono lanciate tonnellate di dolciumi e moltissimi giochi.

Emblema della Comunità Valenciana
Simboli di Valencia

Emblema della Comunità Valenciana

Per ripagare la lealtà e l’aiuto ricevuto da Valencia nella guerra denominata “dei due Pietri”, inizi del XIV, Pietro IV “il Cerimonioso” diede alla città di Valencia il diritto di fregiarsi della corona reale e dei colori dell’impero aragonese.

Dove mangiare la paella a Valencia
Guida Italiana Valencia

Dove vanno i valenciani a mangiare la paella? Dove mangiare la paella a Valencia?

Uno dei quesiti che più vengono formulati è in quali strutture, in quali ristoranti è possibile assaggiare e provare una paella ben fatta, che rispetti le caratteristiche che la tradizione di questo piatto impone. Il turismo in città sta aumentando e purtroppo una delle conseguenze è che molti locali non offrono la qualità che dovrebbero, soprattutto quando parliamo di piatti tipici valenciani, Molte volte si ricorre ad adattamenti che fuoriescono dalla tipicità gastronomica.

Investimento immobiliare a Valencia
Vivere a Valencia

Investimento immobiliare a Valencia

Valutare ogni possibilità, studiare le Leggi che regolano il settore di nostro interesse, consultare professionisti, come architetti o commercialisti, per conoscere la situazione attuale del locale su cui abbiamo messo gl’occhi e nel quale ci piacerebbe aprire la nostra attività.

Palazzo dei congressi - Monumento di Valencia
Monumenti e luoghi di interesse

Palazzo dei congressi

Il centro convegni di Valencia fu inaugurato alla fine degl’anni ’90 e presenta 3 auditori e 9 diverse sale per congressi minori e una sala espositiva. Il palazzo progettato da Norman Foster è stato nominato più volte “Miglior Palazzo del Mondo” per la sua architettura, funzionalità ed equipaggiamento tecnologico.