Torres de Serranos

Queste torri erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia. Le funzioni, oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, erano anche di magazzino e carcere femminile. L’inizio dei lavori di costruzione risale al 1441 e si diedero per terminate nel 1460.
Torres de Serranos - Monumento di Valencia

Torres de Serranos – Esempio dell’architettura militare del XIV secolo

Dichiarato Monumento Storico Artistico Nazionale nel 1931, riconoscendo il suo alto valore estetico, le Torres del Serranos si costruirono tra il 1392 e il 1398 seguendo il progetto dell’architetto Pere Balaguer.
Le “torres de Serranos” sono una delle più conosciute porte della muraglia medioevale cristiana di Valencia.

Come si può leggere nell’articolo “Curiosità e storia della muraglia di Valencia”, i punti principali d’ingresso alla città medioevale avvenivano tramite delle grandi porte: del Serrano, orientate a nord, de Quart, orientate a ovest, del Mar, orientate a est, ed infine de San Vicente orientate a Sud. Della muraglia medioevale, assieme alle torri di Serrano, rimangono in piedi, evitando così la demolizione dell’intera muraglia del 1865 anche le torri de Quart.

Le torri de Serranos, uno dei più bei esempi di architettura militare del XIV secolo, devono il loro nome, cosi come l’omonimo ponte che si trova difronte, alla propria posizione geografica, infatti le torri sono rivolte a nord della città e accedevano tutti coloro che arrivavano dalla zona conosciuta come “Serranía”, o meglio dalla Comarca valenciana “Los Serranos”.

Le “torres de Serranos” erano il simbolo del potere della città di Valencia, per la magnificenza della sua architettura e per l’elaborata ornamentazione che andava molto oltre un’architettura utilitaria di mero carattere difensivo. Nel secolo XV nelle vicinanze della “porta” erano pagate le tasse sulla merce in entrata alla città.

L’uso delle torri de Serranos

In antichità il loro uso principale era quello di difesa, ma si usavano anche per cerimonie ufficiali per ambasciatori e re. Nel periodo tra la fine del XVI secolo e la fine del XIX, le torri furono utilizzate come prigioni per nobili e cavalieri. Oggi, le torri hanno una funzione turistica, si possono visitare al suo interno ed è possibile portarsi nella parte più alta delle torri per ammirare la città dall’alto e soprattutto rendersi conto del gran lavoro ingegneristico-paesaggistico realizzato dalla città di Valencia per quanto riguarda il vecchio corso del fiume Turia, gli attuali omonimi giardini.

L’ingresso alle torri possiede un costo pari a 2 Euro dal lunedì al sabato, la domenica e festivi l’entrata è gratuita.

La celebrazione della “Crida” alle porte del Serrano

Le “torres del Serranos” ospitano, ogni ultima domenica di febbraio, l’evento della festa “las Fallas” conosciuto con il nome di “Crida”. Durante questo evento la rappresentante della festa, la Fallera Mayor, eletta per l’edizione in corso, invita tutti i valenciani e tutta la gente presente a visitare Valencia e a partecipare e conoscere la festa popolare denominata “Las Fallas” di Valencia. Se vuoi maggiori informazioni riguardo la festa ti consigliamo di leggere questo articolo “Las Fallas – Non sai che cos’è?

Condividi con i tuoi amici:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Turia - Gran Riada de Valencia
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

L’inondazione di Valencia, 14 ottobre 1957. Un dramma che ha dato inizio ad una gran trasformazione

Passeggiare, rilassarsi o praticare qualsiasi attività sportiva o artistica dentro i giardini del Turia, sono diventate attività all’ordine del giorno nella città di Valencia, sia per chi in città ci vive sia per chi viene a visitarla, a conoscerla. Il progetto paesaggistico di questi giardini nasce da un dramma accaduto il 14 ottobre 1957, conosciuto come la “gran riada de Valencia”.

Alessandro Girardi - Guida turistica a Valencia
Servizi turistici ufficiali

Alessandro Girardi: Guida turistica a Valencia

Visitare la città con una guida ufficiale risulta positivo in quanto è possibile ottenere informazioni curiose e simpatiche, oltre che culturalmente interessanti. Alessandro Girardi è una guida turistica a Valencia, preparata e che può essere di grande utilità durante la propria permanenza in città.

Concorsi e premi della festa Las Fallas
Conoscere Las Fallas

Concorsi e premi della festa

Non ci sono premi in denaro per le associazioni culturali che organizzano nel loro territorio i diversi eventi e la costruzione della propria falla. Come premi i concorsi della festa ricevono gagliardetti e targhe che documentano i risultati ottenuti.

Monastero San Miguel de Reyes
Monumenti e luoghi di interesse

Monastero di San Miguel de los Reyes

Fondato da Fernando di Aragona, duca di Calabria, la prima pietra fu posta nel 1548. Un complesso composto da monastero, centro culturale e chiesa. Dopo essere stato sconsacrato, l’edificio ha avuto diversi usi civili, tra cui quello di carcere. Attualmente è la sede della Biblioteca Valenciana.

Valencia con i bimbi
Cultura e Turismo di Valencia

Visitare la città di Valencia con i bimbi è possibile e divertente

Conoscere Valencia con i bimbi, in famiglia, è piacevole e la visita alla città può risultare indimenticabile perché Valencia offre molti spazi e luoghi di interesse nei quali, i più piccini, possono divertirsi con la conseguente serenità dei genitori.

Palazzo Marqués de Dos
Monumenti e luoghi di interesse

Palazzo del Marqués de Dos Aguas

Il palazzo Marqués de Dos Aguas è caratterizzato dalle sue gran decorazioni esterne, spicca la porta in alabastro del 1745. Al suo interno ha sede il museo nazionale delle ceramiche e delle arti sontuose. Museo che esiste grazie alla donazione da parte del collezionista Manuel González Martí.