Dove vanno i valenciani a mangiare la paella? Dove mangiare la paella a Valencia?

Uno dei quesiti che più vengono formulati è in quali strutture, in quali ristoranti è possibile assaggiare e provare una paella ben fatta, che rispetti le caratteristiche che la tradizione di questo piatto impone. Il turismo in città sta aumentando e purtroppo una delle conseguenze è che molti locali non offrono la qualità che dovrebbero, soprattutto quando parliamo di piatti tipici valenciani, Molte volte si ricorre ad adattamenti che fuoriescono dalla tipicità gastronomica.
Dove mangiare la paella a Valencia

Il piatto tipico della gastronomia valenciana, trasformatosi nel tempo in una pietanza referente della gastronomia spagnola a livello mondiale, continua ad essere il piatto più ricercato da parte di chi arriva a Valencia per visitarla, conoscerla o viverla. E tutto ciò è normale, fa parte del bagaglio culturale di ognuno di noi, possedere lo stimolo di soddisfare il desiderio di saggiare il piatto tipico della città che stiamo visitando, in questo caso Valencia. Quindi, dove mangiare la paella a Valencia? Dove possiamo assaggiare un’autentica paella?

Dove vanno i valenciani a mangiare la paella?

A questa domanda, la maggior parte dei valenciani risponderebbe “a casa da mia madre” o “a casa mia nonna”. Risposta ovvia, ma se indaghiamo un po’ di più è possibile trovare una serie di ottimi ristoranti a Valencia che offrono alla loro clientela una buona paella, che rispetta la tradizione e le regole che vengono imposte quando di storia si parla. Logicamente, all’interno della famiglia del “arroz seco”, esistono varianti, diversi abbinamenti di sapori ed una certa evoluzione ed innovazione. Consigliamo la lettura dell’articolo “La cultura del riso a Valencia” per capire i diversi metodi di cottura del cereale e le diverse varietà presenti a Valencia.

Il desiderio di conoscere la paella autentica

È nomale che se è la prima volta che si mette piede a Valencia il desiderio è quella di provare la paella valenciana, la tipica, la tradizionale, oppure quella di “marisco”, con i frutti di mare. Ma quando a Valencia ci si ritorna, consigliamo di provare anche altri metodi di cottura del riso e diversi ingredienti, perché ne vale la pena. Leggete le curiosità e la storia di questo gran piatto popolare. Ma ritorniamo alla nostra domanda, dove mangiare la paella a Valencia?

Nel centro storico è diventato difficile, è facilissimo cadere in locali turistici, dove, l’attenzione alla preparazione di questo gran piatto non è adatta per rispondere alle esigenze culinarie di molti palati. Consigliamo di uscire dal centro di Valencia, di non aver paura a spostarsi ed utilizzare i mezzi pubblici di Valencia. In Italia siamo disposti anche a fare due ore di macchina, per andare in un certo ristorante per mangiare una certa pietanza, perché non lo facciamo anche a Valencia, dove muoversi è facile? Ci organizziamo per andare a vedere un museo, perché non farlo per scoprire un aspetto gastronomico della città che stiamo visitando? Almeno un pasto o due, durante la nostra permanenza in città, conviene programmarlo.

Dove mangiare la paella a Valencia?

Date un occhio ai ristoranti che trovate in questo sito web restaurantes-valencia.com e che propongono paella all’interno della loro offerta culinaria. Il sito web propone una selezione di ristoranti di Valencia con diversa offerta gastronomica, 39 realtà culinarie che rispettano la relazione qualità/prezzo e selezionate da chi in città ci vive e vuole suggerirle a chi viene da fuori per conoscere la città di Valencia. Quando entrate nei locali consigliati dal sito web ricordatevi di dire, al momento della prenotazione, che “vi manda Piero Viajero”, vi riceveranno con un occhio di riguardo.

Comunicate con noi e aiutateci a crescere: scriveteci

È molto importante per noi sapere come vi siete trovati nei ristoranti consigliati da questo sito web, per continuare a dare fiducia al gran lavoro eseguito nel momento della selezione dei locali.

Consigliamo la lettura dell’articolo “Scoprire Valencia mangiando una paella assieme, capiremo come muoversi e cosa non perdere di questa spettacolare città” che potrebbe essere per voi molto interessante per ottimizzare i tempi e capire come muovervi in città e poter organizzare le visite imperdibili della città. Aspettiamo vostre notizie.

Ponte di calatrava - L'Assut de L'Or
Città delle Arti e delle Scienze

Il ponte di Calatrava – Assut de l’Or

Il ponte di Calatrava, L’Assut de L’Or, è costruito in acciaio e cemento bianco ed unisce la circonvallazione nord e sud di Valencia. È un elemento della Città delle Arti e delle Scienze. Inizio dei lavori nel 2004 e inaugurazione nel 2008.

Numeri utili a Valencia
Info città

Numeri utili che possono servire in caso di necessità

Quando ci troviamo a Valencia, visitandola o vivendoci, possiamo incappare nella necessità di conoscere i numeri utili che possono aiutarci a risolvere contesti e avvenimenti non programmati e non del tutto piacevoli.

Empadronamiento a Valencia
Documenti in regola

Che cos’è e come ottenere il Empadronamiento

Il empadronamiento è il documento con il quale si certifica il domicilio di una persona fisica in un determinato comune all’interno del territorio spagnolo. È un documento fondamentale per molti tramiti burocratici, tra cui la richiesta degli aiuti sociali, per iscrivere i figli a scuola, per richiedere l’assistenza sanitaria, etc.

Palazzo della Generalidad
Monumenti e luoghi di interesse

Palazzo della Generalidad

Sede del Governo della Comunità Valenciana dal 1982. Comincia la sua costruzione nei primi anni del 1400 e termina quasi quattro secoli più tardi con la conclusione della seconda torre. Da qualche anno è possibile visitare il suo interno gratuitamente.

Palazzo Marqués de Dos
Monumenti e luoghi di interesse

Palazzo del Marqués de Dos Aguas

Il palazzo Marqués de Dos Aguas è caratterizzato dalle sue gran decorazioni esterne, spicca la porta in alabastro del 1745. Al suo interno ha sede il museo nazionale delle ceramiche e delle arti sontuose. Museo che esiste grazie alla donazione da parte del collezionista Manuel González Martí.