Denominazione d’Origine “Chufa de Valencia”

Tutte le fasi della produzione, dalla semina alla commercializzazione, sono l’oggetto delle norme del Consiglio Regolatore della Denominazione d’Origine “Chufa de Valencia”. La certificazione inoltre garantisce la qualità, la provenienza territoriale della pianta e del suo tubero.
Chufa de Valencia - Denominazione d'Origine

Come abbiamo visto nell’articolo “Denominazioni d’Origine spagnole”, ad occuparsi di garantire l’origine e la qualità della “Chufa”, di regolare la produzione e promulgare la cultura di questo speciale tubero è il Consiglio Regolatore della certificazione che prende il nome di Denominazione d’Origine “Chuda de Valencia”.

Che cosa controlla e certifica la Denominazione d’Origine “Chufa de Valencia”

Le diverse fasi specifiche della produzione, controllate dalla Denominazione d’Origine, sono la preparazione del terreno, la semina, la fertilizzazione, il controllo dell’erbaccia, la raccolta e sua pulizia, l’essiccazione, la selezione e classificazione e il confezionamento e etichettatura. Queste e altre informazioni riguardo le caratteristiche della Denominazione d’Origine “Chufa de Valencia” è possibile consultarle nel documento PDF rilasciato dalla “Generalidad” della Comunità Valenciana. Altre dati si possono trovare seguendo questo collegamento.

Chufa de Valencia - DenominazioneLa Chufa sotto la protezione e certificazione della Denominazione di Origine è coltivata solo in 19 comuni della parte nord della campagna valenciana, l’unica zona della Spagna con le caratteristiche ottimali e le condizioni climatiche idonee per la coltivazione di questa pianta. Per questo motivo è fondamentale, e consigliamo di controllare, che al momento del consumo, e ancor prima dell’acquisto, il prodotto porti il sigillo del Consiglio Regolatore della Denominazione di Origine, che identifica la “horchata” originale e garantisce che la “chufa” sia al 100% valenciana.

Con Denominazione d’Origine sia il tubero che la bibita

Abbiamo dedicato degli articoli specifici sia per la “Horchata de Chufa” per conoscere la sua preparazione e sue proprietà e benefici, sia per la “chufa” per imparare le curiose fasi, partendo dalla sua coltivazione, che permetto di arrivare ad ottenere una materia prima di qualità.

Consigliamo la visione di questo video per comprendere alcune fasi della lavorazione della chufa:

Nel sito web ufficiale della Denominazione d’Origine è possibile trovare ulteriori informazioni riguardo lo stesso organismo, l’elenco di aziende autorizzate alla produzione e quelle alla commercializzazione.

Plaza de Alfonso el Magnánimo
Piazze di Valencia

Plaza Alfonso el Magnánimo – “El Parterre”

Conosciuta anche come “El Parterre”, Plaza Alfonso el Magnánimo è importante per i valenciani perché ospita la statua equestre dedicata a Re Giacomo I D’Aragona, omaggiato ogni 9 di ottobre ricordando la sua vittoriosa entrata in città nel 1238.

Il giorno dei Santi Innocenti
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Il giorno dei Santi Innocenti

In Spagna non viene festeggiato il “Pesce di aprile”, ma bensì il “Giorno dei Santi Innocenti”, infatti l’usanza di fare scherzi, e l’idea di accettarli come tali, ricorre ogni 28 dicembre. L’origine di questa festa è la combinazione di una tradizione cristiana con una pagana.

Maestro Serrano - Musicicsta
Personaggi storici

Maestro Serrano – Musicista compositore

Un personaggio importante per la città di Valencia, sempre molto attivo in tutti i diversi campi a cui ha partecipato, dalla politica al giornalismo, dalla poesia alla direzione di diversi film.

Giardini del Turia - Guida Valencia
Giardini e parchi

Giardini del Turia, un’opera ingegneristica e paesaggistica

Dopo che nel 1957 il fiume Turia, che attraversava la città di Valencia, straripò causando molte vittime ed ingenti danni, fu deciso di rivedere il sistema idrologico della città. Tra le varie azioni, il colossale lavoro di deviazione del corso del fiume. Da qui la nascita dei giardini del Turia.

Nit de la Cremà - Las Fallas
Eventi Las Fallas

Nit de la cremà – Il gran finale

Il fuoco è l’elemento principe di questo evento, le sue fiamme purificano, chiudono un anno e ne aprono un altro. La città brucia in maniera controllata e in un’atmosfera di festa e diversione, ma non mancano le lacrime che accompagnano il finale di un anno di lavoro, di sacrifici e di gran sentimento di aggregazione che descrive ogni commissione fallera.
La cremà nello stesso tempo rappresenta il finale di una edizione della festa e l’inizio di quella successiva.