Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia”

Necessaria per garantire il controllo e la certificazione della produzione e commercializzazione delle varietà di riso coltivate all’interno della Comunità Valenciana, la Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia” si basa sulle norme dettate dal Consiglio Regolatore e approvate dal Ministero dell’Agricoltura tramite la Comunità Autonoma.
Arroz de Valencia - Denominazione d'Origine

Come abbiamo visto nell’articolo “Denominazioni d’Origine spagnole”, ad occuparsi di garantire l’origine e la qualità del riso valenciano, di regolare la produzione delle diverse varietà e promulgare la cultura di questo gran cereale è il Consiglio Regolatore della certificazione che prende il nome di Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia”.

Il Consiglio Regolatore “Arroz de Valencia”, nella versione valenciana “Arròs de Valencia”, controlla territori e produzione del riso, non solo a Valencia, ma anche in zone sotto la provincia di Alicante e Castiglione. La maggior produzione avviene all’interno del Parco naturale dell’Albufera del quale consigliamo di leggere l’articolo che lo descrive.

Le fasi della lavorazione controllate da “Arroz de Valencia”

Le diverse fasi specifiche della produzione che devono avvenire nella zona geografica controllata dalla Denominazione d’Origine sono la semina, raccolta, essiccazione, preparazione e confezionamento. Queste e altre informazioni riguardo le caratteristiche del riso DOP “Arroz De Valencia” è possibile consultarle nel documento PDF rilasciato dalla “Generalidad” della Comunità Valenciana. Altre informazioni si possono trovare seguendo questo collegamento.

Arroz de Valencia - DenominazionePer comprare del riso ed essere sicuri di acquistare un prodotto coltivato e lavorato secondo le norme dettate dalla Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia” dobbiamo controllare nei pacchetti, sacchetti o qualsiasi altro contenitore, la presenza del logo che vediamo a sinistra. Viene raffigurata una “baracca valenciana”, deve riportare il nome della denominazione ed il numero del registro attribuito dal Consiglio Regolatore.

É importate sapere che la varietà di riso tipo “Bomba” viene indicata nell’etichetta, altrimenti dobbiamo intendere che il riso è del tipo “Senia”. Suggeriamo di leggere l’articolo “Varietà del riso valenciano e metodi di cottura” per comprendere le caratteristiche delle tipologie di riso coltivate nella zona di Valencia protette dalla denominazione.

Grandi eventi per promuovere la Denominazione d’Origine

Attualmente la Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia” gestisce il museo del riso di Valencia, tramite il quale, organizza attività didattiche per scolaresche e per gruppi di adulti. Grazie al museo, che in pratica è un ex mulino riabilitato, è possibile conoscere tutte le fasi del processo di lavorazione che venivano eseguite nel XX secolo da quando arrivava la materia prima dalle risaie fino all’insacchettamento per la commercializzazione.
Questo museo merita una visita perché il lavoro di ristrutturazione da parte della Politecnica di Valencia è stato lodevole e la spiegazione degli addetti alla gestione è di notevole piacere ed interesse.

Eventi gastronomici e corsi di cucina, sempre con il riso come principale protagonista, sono altre delle attività che la Denominazione d’Origine “Arroz de Valencia” organizza. Visitando il sito web ufficiale del Consiglio Regolatore è possibile trovare tutte le informazioni riguardo gli appuntamenti culturali e gastronomici in programma.

Denominazioni d’Origine spagnole
Guida Italiana Valencia

Denominazioni d’origine spagnole, certificazioni alimentari

Le certificazioni alimentari e gastronomiche sono gestite dai Consigli Regolatori, che sono enti di diritto pubblico il cui scopo è quello di rappresentare, difendere, garantire e promuovere i prodotti. Scopriamo le denominazioni d’origine che garantiscono la qualità del prodotto valenciano.

Allegorie del Corpus Christi
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Le allegorie del Corpus Christi

Abitudine durante la festa del Corpus Christi è quella di far sfilare nelle processioni personaggi biblici, simboli e oggetti allegorici appartenenti all’Antico Testamento, per far sì che anche questa parte della Bibbia sia famigliare ai più.

Parco "de Cabacera"
Giardini e parchi

Parco “de cabecera”, l’inizio dei giardini del Turia

Questo parco è considerato uno dei migliori parchi zoologici d’Europa. La sua peculiarità principale è quella di preservare e curare l’habitat degli animali per far scoprire al visitante come le specie si comportano quando l’ambiente nel quale vivono possiede certe caratteristiche.

salsa All i Oli o Ajoaceite
Piatti tipici e bevande tipiche

Salsa “All i Oli” o “Ajoaceite”

Consiste nell’emulsione di olio d’oliva e aglio e accompagna moltissime pietanze, da piatti di riso a tapas, per gratinare tranci di pesce come il baccalà, per dar sapore al fritto di pesce oppure semplicemente servito con del pane tostato.

Valencia in crociera
Arrivare e Muoversi a Valencia

Consigli per quando si arriva a Valencia in crociera

Il poco tempo a disposizione è ciò che detta gli spostamenti a chi arriva a Valencia con la nave da crociera. È necessario, se si va per conto proprio, sapere come poter ottimizzare la qualità e la durata della propria visita alla città.

Bagni del Almirante
Monumenti e luoghi di interesse

Bagni del Almirante

L’architettura di questi bagni è un gran esempio del periodo medioevale spagnolo, dove l’influenza islamica si nota nello stile, negli elementi decorativi e nei materiali utilizzati. I Bagni furono creati nel XIV secolo e furono utilizzati fino al XX secolo.