Il giorno dei Santi Innocenti

In Spagna non viene festeggiato il "Pesce di aprile", ma bensì il "Giorno dei Santi Innocenti", infatti l'usanza di fare scherzi, e l'idea di accettarli come tali, ricorre ogni 28 dicembre. L'origine di questa festa è la combinazione di una tradizione cristiana con una pagana.
Il giorno dei Santi Innocenti

Come nasce il giorno dei Santi Innocenti?

Il “Día de los Santos Inocentes” , giorno dei Santi Innocenti, è la commemorazione di un episodio cristiano, si ricorda l’uccisione dei bambini sotto i due anni, nati a Betlemme, ordinata dal Re Erode, con il fine di ammazzare il recente nato Gesù di Nazaret.

La tradizione cattolica

La tradizione cattolica, grazie al Vangelo di San Matteo, narra che il Re Erode, di fronte al timore di perdere il proprio trono, cercò con tutti i metodi possibili di localizzare il bimbo Gesù per ucciderlo, per questo motivo chiese ai Re Magi di informarlo sul luogo di incontro del neonato. I tre Re magi, grazie ad un messaggio inviato da Dio, furono avvisati dell’intenzione di Re Erode e non comunicarono quanto richiesto da quest’ultimo. Nel momento in cui venne deciso di uccidere tutti i bimbi sotto i due anni, il bimbo Gesù era già in Egitto.

La tradizione pagana

La tradizione pagana ci racconta che esisteva una festa chiamata la “festa dei folli“, fiesta de los locos, celebrata tra il giorno di Natale e il Capodanno. Si dice che questa festa era così scandalosa che la Chiesa, in epoca medioevale e con l’intento di calmare la eccentricità dei partecipanti, decretò che si celebrasse nel giorno dei “Santi Innocenti”.

In questo modo iniziò, con carattere pagano – religioso, la festa nella quale è permesso lo scherzo di qualsiasi natura, il giorno dei Santi Innocenti. Addirittura anche molti mezzi di comunicazione, il 28 dicembre, scrivono notizie non vere e comiche, ma apparentemente reali. Una libertà concessa solamente in questa giornata.

Curiosità:
È importante non prestare nel giorno dei Santi Innocenti, oggetti o soldi, perché il “debitore” è libero di appropriarsi del bene ricevuto

Si celebra in Spagna, Argentina, Messico, Colombia, Perù, Ecuador, Chile, Panama, Bolivia, Filippine, Guatemala e Uruguay .

Leggi le origini della tradizione di fare scherzi il primo giorno del mese di Aprile.

Servizio taxi a Valencia
Muoversi a Valencia

Servizio taxi a Valencia, una soluzione a costo contenuto

Uno dei binomi che funziona nella città di Valencia è formato da “Taxi e Valencia”, un servizio di trasporto in grado di permettere al turista o al cittadino di muoversi nella città di Valencia a prezzi contenuti e in maniera soddisfacente in quanto a velocità

La bandiera di Valencia - La Senyera
Simboli di Valencia

La bandiera della Comunità Valenciana: la Real Senyera

La bandiera della Comunità valenciana, chiamata Real Senyera, viene descritta nello Statuto d’Autonomia della Comunità Valenciana: è composta da quattro bande rosse sopra uno sfondo giallo, coronata, con la corona d’Aragon, sopra una frangia decorata azzurra nel lato dell’asta.

Autobus a Valencia - EMT
Muoversi a Valencia

Trasporto pubblico EMT – Autobus a Valencia

La rete delle linee autobus del trasporto pubblico di Valencia è gestita dall’impresa municipale EMT. Vengono offerti abbonamenti e svariati titoli di viaggio per soddisfare le differenti esigenze dei viaggiatori, e oltre al servizio diurno viene dato anche un buon servizio notturno.

Cabalgata de los Reyes Magos
Feste nazionali

Epifania – Cabalgata de los Reyes Magos

Con l’Epifania si attende la “Cabalgada de los Reyes Magos”, una parata che si celebra in tutto il territorio spagnolo. Diversi carri allegorici, personaggi di fantasia e rappresentanti delle associazioni di Valencia, oltre che ai corpi militari, sfilano per le strade principali delle città, lasciando doni e dolciumi ai più piccini.