Plaza de la Reina

La piazza denominata "Reina" è una delle piazze più frequentate e affollate di Valencia. Nella piazza si affaccia la porta barocca della Cattedrale e confluiscono varie vie molto importanti per il commercio e per l'utilizzo dei mezzi di trasporto. Nella sua storia questa piazza ha subito diverse modellazioni urbanistiche.
Plaza de la Reina - Guida Valencia

Una delle piazze di Valencia con possiede gran fascino è “Plaza de la Reina”. In molti, per la presenza della Cattedrale e del suo campanile “El Miguelete”, erroneamente pensano che questa piazza sia una delle più antiche, però sicuramente è una delle più importanti, infatti il primo semaforo a Valencia fu installato in questa piazza e la numerazione civica della città comincia da qui e non da Plaza Ayuntamiento, come molti pensano.

Questa piazza ha subito diverse trasformazioni durante la sua storia, da quando è nata fino alle ultime che si stanno realizzando in quest’ultimi anni per portarla ad essere quasi totalmente pedonale.

Questo cambio urbanistico fa parte del concetto di gestione che possiede la giunta comunale, cioè riavvicinare gli spazi pubblici ai cittadini, limitando l’accesso ai mezzi e promovendo l’utilizzo del trasporto pubblico. Lasciamo all’articolo intitolato “La zona di Plaza de la Reina e Plaza de la Virgen” il compito di descrivere gli edifici che si affacciano in questa piazza e gli eventi che vengono organizzati in questa zona di Valencia.

Come nasce Plaza de la Reina

Nasce nel 1878 quando viene demolito il convento di “Santa Tecla” per creare lo spazio adeguato al congiungimento tra “Calle San Vicente” e “Calle de la Paz”. Questa demolizione creò uno spazio aperto, di forma triangolare, al quale fu dato nome “Plaza de la Reina María de las Mercedes” in onore della moglie di Re Alfonso XII che morì nello stesso anno del matrimonio, nel 1878.

Reina María de las Mercedes
Fonte: Valencia Historica Grafica – juanansoler.blogspot.com

Diversi nomi per Plaza de la Reina

Mappa Plaza ReinaDurante la repubblica si chiamò “Plaza de la Región Valenciana”, per alcun tempo “Plaza Zaragoza” e dal 1970 “Plaza de la Reina”. È curioso e, nello stesso tempo, interessante vedere l’evoluzione di questa piazza, per farlo utilizzeremo delle foto storiche che ben ci fan capire i passaggi della modellazione della piazza fino ad arrivare ai giorni nostri.
Nel 1912 il Comune di Valencia, con la necessità di creare nuovi spazi aperti, approvò il “Piano di Riforma Interna” dell’architetto comunale Federico Aymamí, che prevedeva l’ampliazione della piazza di nostro interesse. I lavori durarono moltissimo per svariati motivi storici ed economici, infatti, l’eliminazione di una intera via “Calle Zaragoza” con parte dei suoi edifici terminò nel 1960.

Plaza de la Reina - Prima e dopo
Fonte: valenciadesaparecida.blogspot.com

Calle Zaragozza e la porta barocca della Cattedrale

Una delle particolarità, risultato della creazione di questa piazza, è che la porta barocca della Cattedrale di Valencia, che guarda verso l’odierna piazza, sembra inclinata rispetto quest’ultima. Questo proprio perché la piazza una volta non esisteva, lo spazio che la porta della Cattedrale dominava era quello creato da Calle Zaragozza.

Calle Zaragozza
Fonte: Valencia Historica Grafica – juanansoler.blogspot.com

Prima fase dei lavori di Plaza de la Reina

In un primo periodo sono stati demoliti alcuni palazzi, si iniziò nel 1944 nella parte più vicina a “Calle San Vicente Mártir“, proseguendo in direzione della Cattedrale e terminando nel 1963 con la demolizione dell’ultimo isolato che si trovava di fronte alla Cattedrale stessa.
Quando l’ultimo blocco di case davanti alla Cattedrale doveva ancora essere demolito, fu installata una fontana circolare.

Plaza de la Reina
Fonte: Valencia Historica Grafica – juanansoler.blogspot.com
Prima fase - La demolizione degli edifici
Fonte: Valencia Historica Grafica – juanansoler.blogspot.com
Prima fase - Installazione di una fontana
Fonte: Valencia Historica Grafica – juanansoler.blogspot.com

Seconda fase dei lavori

A seguire, negli anni ’70, furono creati i parcheggi sotterrerai e ciò permise di arrivare alla fisionomia attuale. La fontana fu smantellata e spostata nei giardini reali, giardini “de los Viveros”, dove ancora oggi rimane.

Realizzazione parcheggio
Fonte: Valencia Historica Grafica – juanansoler.blogspot.com
Parcheggio Plaza Reina
Fonte: Corbín ferrer – Juan Luis “Del Miguelete a Santa Catalina”

Dentro poco tempo, “Plaza de la Reina” riceverà un’ulteriore intervento urbanistico, diventerà in gran parte pedonale, si creeranno nuovi accesi al parcheggio sotterraneo e verranno ridisegnate tutti i vari percorsi del trasporto pubblico che prima percorrevano la piazza.

Plaza de la Reina - Pedonale

 

Torres de Serranos - Monumento di Valencia
Monumenti e luoghi di interesse

Torres de Serranos

Queste torri erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia. Le funzioni, oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, erano anche di magazzino e carcere femminile. L’inizio dei lavori di costruzione risale al 1441 e si diedero per terminate nel 1460.

Nit de la Cremà - Las Fallas
Eventi Las Fallas

Nit de la cremà – Il gran finale

Il fuoco è l’elemento principe di questo evento, le sue fiamme purificano, chiudono un anno e ne aprono un altro. La città brucia in maniera controllata e in un’atmosfera di festa e diversione, ma non mancano le lacrime che accompagnano il finale di un anno di lavoro, di sacrifici e di gran sentimento di aggregazione che descrive ogni commissione fallera.
La cremà nello stesso tempo rappresenta il finale di una edizione della festa e l’inizio di quella successiva.

Semana Santa Marinera - Guida Valencia
Feste nazionali

Pasqua – Semana Santa Marinera

É una festa d’interesse turistico nazionale, capace di attrarre migliaia di persone, devote o semplicemente curiose dello svolgimento peculiare dei moltissimi atti, e riti religiosi, celebrati lungo le vie dei quartieri marittimi di Valencia.

Casa Blasco Ibáñez
Musei ed esposizioni

Casa Blasco Ibáñez

La casa dello scrittore valenciano è stata convertita in museo e inaugurato nel 1997. Al suo interno possiamo trovare esposti gli oggetti personali, opere letterarie, fotografie, documenti e manoscritti che rivelano la vita del politico-viaggiatore quale era lo scrittore valenciano.

Investimento immobiliare a Valencia
Vivere a Valencia

Investimento immobiliare a Valencia

Valutare ogni possibilità, studiare le Leggi che regolano il settore di nostro interesse, consultare professionisti, come architetti o commercialisti, per conoscere la situazione attuale del locale su cui abbiamo messo gl’occhi e nel quale ci piacerebbe aprire la nostra attività.

Parco Gulliver Valencia
Giardini e parchi

Parco Gulliver

In un momento della storia, nel racconto “I viaggi di Gulliver” di Swift, Gulliver è immobilizzato al suolo da parte degli abitanti di Lilliput. Questa scena è possibile vederla con i propri occhi in questo parco. Ideale per i bimbi, ma non è escluso il divertimento per i più grandicelli.