Maestro Serrano – Musicista compositore

Un personaggio importante per la città di Valencia, sempre molto attivo in tutti i diversi campi a cui ha partecipato, dalla politica al giornalismo, dalla poesia alla direzione di diversi film.
Maestro Serrano - Musicicsta

Il popolare compositore José Serrano Simeón nacque a Sueca (città che si trova vicino a Valencia) nell’ottobre del 1873. Già dai primi anni di vita, il padre, che era direttore della banda musicale di Sueca, riconobbe nel figlio buone capacità musicali. La sua vita fu dedizione pura per la musica, i primi insegnamenti li ricevette direttamente dal padre, cominciò a suonare prima il triangolo e più tardi il flauto e la tromba, fino ad ottenere, in età adulta, da parte dei valenciani, il riconoscimento di essere chiamato “Maestro Serrano”.

Grandi insegnanti hanno contribuito alla sua formazione

Il padre, riscontrando l’eccellente disposizione alla musica del figlio, lo iscrisse al Conservatorio di Valencia, dove fu seguito dai migliori insegnanti dell’epoca.
Nel 1895 José Serrano si trasferì a Madrid su invito di grandi compositori per migliorare i propri studi e anche qui fu seguito da maestri eccellenti di quel tempo.
Negl’anni a seguire compose opere per svariati autori ed imprese musicali e teatrali di Madrid raggiungendo un buon successo.

José Serrano Simeón conosciuto come Maestro Serrano

Nel 1909 compone l’inno a Valencia per l’inaugurazione della “Exposición Regional Valenciana” (esposizione regionale valenciana) assieme al poeta e giornalista Maximiliano Thous. Nel 1925 questa composizione fu eletta come inno regionale e oggi come “Inno ufficiale della Comunità Valenciana”.

Tra le opere liriche di grande successo scritte dal maestro Serrano possiamo annotare “La canción del olvido” e “La canción del soldado” rispettivamente nel 1916 e 1917. Nel 1923 scrisse la composizione “Valencia Canta” dedicata alla patrona di Valencia, la “Virgen de los Desamparados”.  Questa la pagina dedicata all’interno di wikipedia.

Ottenne molta popolarità anche il famoso “pasodoble – El Fallero” che è considerato l’inno della Fallas valenciana, scritto sempre assieme a Maximiliano Thous. Leggi l’articolo che abbiamo dedicato all’inno “pasodoble – El Fallero”.

I suoi ultimi anni di vita li trascorse nella località valenciana chiamata “El Perelló”, che si trova lungo la costa a pochi km da Valencia e qui si dedicò esclusivamente alla pesca. L’8 marzo del 1941 morì, per una grave malattia all’esofago, e la città di Valencia volle rendere omaggio al suo illustre compositore dedicandogli un monumento in sua memoria.

Fontana del Maestro Serrano

Il monumento a lui dedicato si trova in Avenida Reino de Valencia e riceve il saluto e un omaggio floreale, da parte del mondo fallero, durante gli ultimi giorni della festa las Fallas. Se non conosci la festa ti suggeriamo di leggere l’articolo “Las Fallas – Non sai che cos’è?”.

Condividi con i tuoi amici:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Hemisferic - Sala per proiezioni
Città delle Arti e delle Scienze

Hemisferic – Sala per proiezioni

Elemento architettonico che rappresenta un gigantesco occhio che si ricompone con lo specchiarsi nell’acqua, “l’occhio della scienza”, ha funzione di entrata alla cupola della sala cinematografica che possiede uno schermo concavo di 900 m². Inizio dei lavori nel 1995 e inaugurazione nel 1998.

Nit de Foc
Eventi Las Fallas

Nit de Foc – La notte di fuoco

Grande spettacolo pirotecnico che da inizio all’ultimo giorno della festa Las Fallas. La notte del 18, presso i giardini del Turia, lo spettacolo richiama migliaia di persone.

Giardini “de la Glorieta”

I giardini della Glorieta si trovano nella zona tra il Quartier generale delle forze terrestri, ex Convento domenicano, la porta del Mar e il Tribunale Superiore della Giustizia. Nascono nei primi decenni del 1800 e diverse trasformazioni hanno subito nella loro storia.

salsa All i Oli o Ajoaceite
Piatti tipici e bevande tipiche

Salsa “All i Oli” o “Ajoaceite”

Consiste nell’emulsione di olio d’oliva e aglio e accompagna moltissime pietanze, da piatti di riso a tapas, per gratinare tranci di pesce come il baccalà, per dar sapore al fritto di pesce oppure semplicemente servito con del pane tostato.