Giardino botanico

Fondato nel 1567 come orto di piante medicinali dell’Università di Valencia. Agli inizi del 1800 si creò il nuovo giardino nell’attuale ubicazione e adattato alle nuove conoscenze scientifiche. La ricerca e la conservazione delle specie rare sono tra le funzioni che possiede ora.
Giardino botanico - Giardini e parchi

Il giardino Botanico dell’Università di Valencia è stato fondato nel 1567 e per questo motivo è considerato il più vecchio d’Europa. Per 200 anni è stato un giardino di piante medicinali, legato agli studi di Medicina e non della Botanica. Fino al XIX secolo ha occupato varie zone all’interno della città di Valencia. Fu nel 1802 quando l’Università lo collocò definitivamente nello spazio attuale, vicino alle Torres de Quart, e fuori dalla muraglia che all’epoca era ancora presente.

Per tutto il XIX secolo al suo interno si tenevano lezioni di botanica e si effettuavano esperimenti per acclimatare le piante di interesse agricolo. Durante il corso del XX secolo, il giardino Botanico subì un lungo periodo di abbandono fino a quando, nel 1987, l’Università di Valencia iniziò un processo di restauro completo che si è concluso nel 2000.

Giardino botanico di Valencia
Fonte foto: paisajismodigital.com

Il giardino ai giorni nostri

Attualmente il giardino botanico dedica le sue ricerche alla conoscenza della diversità vegetale, alla conservazione di specie rare, endemiche o minacciate della flora mediterranea e alla conservazione degli habitat naturali. Inoltre, ha un’incessante attività educativa e culturale svolta dagli uffici didattici, culturali e di comunicazione.

Nel sito web ufficiale del giardino botanico è possibile trovare moltissime informazioni riguardo lo stesso e molte altre rispetto i laboratori educativi organizzati per scolaresche o per gruppi, visite guidate e molto altro ancora. Importante la comunicazione degli eventi ed appuntamenti che vengono pianificati durante tutto il corso dell’anno. Per questo motivo suggeriamo, a chi vive a Valencia, di tener controllato il sito per non perdersi il calendario degli eventi e appuntamenti.
Lasciamo inoltre un dépliant che può risultare utile per conoscere il giardino Botanico.

Giardino botanico di Valencia
Fonte foto: jardibotanic.org

Le strutture architettoniche del giardino botanico

Le strutture di rilievo, tra le tante, che possiamo trovare all’interno del giardino botanico sono la serra tropicale e il “umbráculo”.

La prima è la serra più importante per il suo valore storico ed architettonico. Fu costruita a metà del XIX secolo dall’architetto valenciano Sebastián Monleón. Situato nel centro del giardino ed esposto a sud, è il primo edificio spagnolo ad utilizzare il ferro e il vetro come materiali principali. Tra il 1989 e il 1991 la serra è stata restaurata rispettando il disegno originale. Inoltre, le condizioni per la coltivazione di piante tropicali e di ambienti umidi sono state migliorate con l’installazione di sistemi di umidificazione, riscaldamento e irrigazione.

L’altra struttura rilevante è quella conosciuta con il nome di “umbráculo”, che permette di creare una gran zona d’ombra, fu realizzata alla fine del XIX secolo dall’architetto madrileno Arturo Mélida y Alinari. Ristrutturata anch’essa nel 1987 si recuperò il suo stato originale.

i consigliamo di visitare il giardino e approfittare dell’ambiente tranquillo e rilassante che lo stesso è capace di ricreare. Nelle vicinanze del giardino botanico trovate anche i giardini delle “Esperidi”, altra chicca verde da non perdere.

Questo un video che ci permette di apprezzare l’interno del giardino botanico e qualche sua specie vegetale.

Varietà del riso valenciano
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Varietà del riso valenciano e metodi di cottura

La produzione del riso a Valencia si sviluppa principalmente nella zona conosciuta con il nome Albufera e a controllare la sua origine e qualità ci pensa la Denominazione di Origine “Arroz de Valencia”.

San Vicente Mártir
Feste valenciane

San Vicente Mártir – Patrono di Valencia

Il 22 di gennaio, i valenciani celebrano il giorno del loro santo patrone, San Vicente Mártir. Vicente fu un giovane diacono martire a Valencia nel 304 per ordine dell’imperatore Diocleziano. È il Martire più antico di tutta Spagna e oltre ad essere patrone di Valencia, lo è anche di Saragozza e Portogallo.

Uffici di turismo Valencia
Consigli pratici

Uffici di Turismo Valencia – Punti d’informazione turistica

Quando si arriva in una città che ancora non si conosce, la prima cosa da fare è recarsi in uno degli uffici ufficiali del turismo locale, i quali hanno il compito di fornire informazioni turistiche e materiale utile al visitatore, come mappe di Valencia, consigli utili e pratici per meglio muoversi in città.

El Almudín
Monumenti e luoghi di interesse

El Almudín – centro esposizioni

Era l’edificio in cui si conservava e immagazzinava il grano per la vendita e consumo nella città di Valencia. La parola araba “almud” era l’unità di misura del grano al tempo, da qui il suo nome. Costruito nel XIV secolo attualmente ospita un museo e sale per esposizioni

Casa Blasco Ibáñez
Musei ed esposizioni

Casa Blasco Ibáñez

La casa dello scrittore valenciano è stata convertita in museo e inaugurato nel 1997. Al suo interno possiamo trovare esposti gli oggetti personali, opere letterarie, fotografie, documenti e manoscritti che rivelano la vita del politico-viaggiatore quale era lo scrittore valenciano.

Il perchè del nome Las Fallas
Conoscere Las Fallas

Il perché della denominazione, del nome Las Fallas

L’etimologia della parola valenciana “falla” deriva dal latino “facula”, che significa “torcia”. È interessante ed importante comprendere l’evoluzione del nome Las Fallas, per rendersi conto del significato che possiede oggigiorno questa parola e a che cosa ci si riferisce quando utilizziamo le molte sfaccettature che possiede.