Giardini Ayora e Palazzo

L’area possiede una superficie poco inferiore ai 50 mila metri quadrati e l’insieme costituisce una delle migliori dimostrazioni di quello che potremmo denominare residenza locale o villa di passatempo. Il giardino offre grandi contrasti: unisce il passato col presente, aree tranquille con altre di giochi e divertimento.
Giardini Ayora

I giardini di Ayora occupano una superficie di 50mila metri quadrati e si trovano nell’omonimo quartiere. Ha subito molte modifiche nel corso degli anni e, attualmente, si possono vedere diverse zone molto diverse e ben delineate.

La prima di queste è la parte del giardino che circonda la palazzina costruita nel 1900. La seconda è la più grande, ed è costituita da un ampio rettangolo racchiuso da un muro in mattoni a cui si accede grazie a tre cancelli in ferro battuto. Al suo interno molti i pergolati nel roseto, panchine rivestite di ceramica e una fontana pubblica in ghisa risalente all’inizio del secolo. La terza zona è formata da uno spazio aperto, dove è stata installata un’area giochi per bambini, una piscina coperta, un’area sportiva e una passerella centrale molto estesa e dove si possono apprezzare diverse specie vegetali. Quest’ultima zona si trova, in pratica, sopra la stazione metropolitana “Ayora”.

Giardini Ayora

Giardini Ayora, il passato si unisce col presente

L’abbondanza di alberi offre una gran ombra e rende piacevoli i mesi estivi, infatti, anche grazie alle numerose panchine distribuite in tutta l’area, il giardino è molto frequentato. Possiede una gran varietà di esemplari molto diversi, che il visitatore potrà contemplare, tra cui acacie e false acacie, eucalipti, pini canadesi, palme, limoni, aranci, ficus, ibisco, oleandri, altee, mimose, bambù, bouganville, rose, cactus e molti altri.

La zona di Ayora che include il palazzo, commissionato come sontuosa villa ricreativa dal commerciante José Ayora nel 1900 e costruito dall’architetto valenciano Pelegrín Mustieles Cano in stile modernista valenciano, è una delle migliori dimostrazioni di quello che potremmo denominare residenza locale o villa di passatempo.

Giardini Ayora

Uno spazio verde necessario per il quartiere

Il comune di Valencia comprò il territorio, che attualmente occupa il giardino, nel 1976 e cominciò le opere di restaurazione e pulizia del prezioso giardino abbandonato a sè nel corso di molti anni. Nel 1987 la gestione ed il mantenimento passa alla “Fundación Pública Municipal de Parques y Jardines Singulares”, Fondazione Pubblica Municipale di Parchi e Giardini Singolari. Nel 1983 il palazzo, grazie alla nominazione di Monumento Storico Artistico, si salvò dalla demolizione, ottenne il suo mantenimento e rese facile la posteriore restaurazione delle sue facciate.

Luogo di passeggiate e di relax, oltre che zona di passatempo per i bimbi e relativi genitori. Vi si possono trovare anche alcune opere fatte in pietra e ferro battuto. Il nuovo giardino, nel suo insieme, offre grandi contrasti, unisce il passato col presente, aree tranquille con altre di giochi e divertimento. Queste sono parte delle motivazioni per cui la zona è sfruttata da tutti i vicini.

Un video ci permette di apprezzare le diverse zone che compongono il giardino di Ayora.

Basilica San Vicente Ferrer
Monumenti e luoghi di interesse

Basilica San Vicente Ferrer

Adiacente al convento dell’ordine dei Domenicani, la chiesa fu costruita agl’inizi del 1900 in stile neogotico e dedicata al Patrono di Valencia, San Vicente Ferrer, nato nela medesima città ma morto a Vannes in Francia. La Basilica con la guerra civile fu daneggiata e fu oggetto di saccheggi.

Monastero San Miguel de Reyes
Monumenti e luoghi di interesse

Monastero di San Miguel de los Reyes

Fondato da Fernando di Aragona, duca di Calabria, la prima pietra fu posta nel 1548. Un complesso composto da monastero, centro culturale e chiesa. Dopo essere stato sconsacrato, l’edificio ha avuto diversi usi civili, tra cui quello di carcere. Attualmente è la sede della Biblioteca Valenciana.

MUVIM - Museo illustrazioni
Musei ed esposizioni

MUVIM – Illustrazioni

Inaugurato nel 2001 il MUVIM, museo dell’Illustrazione e della Modernità, offre un’esposizione permanente, dove viene proposto un percorso all’interno della cultura occidentale, dal medioevo fino ai nostri giorni. In base alle stagioni e agli eventi organizzati a Valencia, sono le esposizioni temporanee ad attirare moltissimi visitatori.

Origini storiche di Valencia
Cenni di storia e geografia di Valencia

La storia della città di Valencia

Valencia, città sul mare fondata dai romani, ha ospitato e acquisito nella sua storia differenti culture che hanno lasciato un segno indelebile nella città. Un insieme di informazioni strutturato in titoli, che permettono conoscere le varie fasi storiche della città.

Scoprire Valencia
Guida Italiana Valencia

Mangiamo una paella assieme? Un gran momento per scoprire Valencia

Mettendo a rischio il colesterolo e la propria dieta, mettiamo a vostra disposizione il nostro tempo ed il nostro bagaglio d’informazioni riguardo la città di Valencia. Quale miglior metodo per ricevere le prime informazioni riguardo Valencia se non attorno al piatto tipico per eccellenza della gastronomia valenciana. Contattateci e assieme troveremo le date opportune.

Documenti necessari
Vivere a Valencia

Documenti necessari per vivere a Valencia

Sono diversi i documenti che bisogna richiedere per poter attuare all’interno del sistema lavorativo, economico e sanitario della città di Valencia, come in tutta Spagna. Documenti obbligatori per essere in regola con la legislatura vigente e alcuni consigliati per meglio affrontare le diverse situazioni che si possono presentare durante il nostro vivere a Valencia.