Centro archeologico Almoina

Il museo è il risultato di scavi effettuati tra il 1985 e il 2005 nell'area dell'attuale Plaza de la Almoina. Grazie a questi scavi sono stati recuperati resti archeologici della città dalle sue origini come città urbana romana, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.
Centro archeologico Almuina

Il Centro Archeologico Almoina è un grande spazio culturale aperto al pubblico nel 2007. Un museo che copre una superficie di circa 2.500 metri quadrati e ospita gli scavi archeologici effettuati dal Comune di Valencia tra il 1985 e il 2005.

Il museo archeologico si trova nella piazza che prende lo stesso nome, “Plaza de la Almoina”, alle spalle della Basilica e a pochi metri dalla Cattedrale di Valencia. “Almoina”, che in valenciano significa elemosina, era un’istituzione medievale di carattere caritatevole che distribuiva cibo e forniva sostentamento materiale ai più bisognosi della città. L’istituzione esercitava le sue proprie funzioni proprio nella zona di nostro interesse.

La necessità di spazi aperti della città permise la nascita del centro Archeologico Almoina

La demolizione degli edifici che occupavano questo spazio ha portato all’apertura di una grande piazza e in quest’ultima sono avvenuti gli scavi precedentemente citati e che hanno permesso di trovare i resti della città, dalle sue origini romane, ricordiamo che il 138 a.C. fu l’anno di fondazione, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.

Centro archeologico Almuina

Praticamente, entrando dalle porte del Centro Archeologico Almoina è possibile percorrere l’evoluzione della città di Valencia dalle sue origini ai tempi di Re Jaime I, che rammentiamo fu il Re che mise fine al dominio arabo nella città di Valencia nel 1238 d.C.

La piazza è caratterizzata da una gran vetrata che funge da pavimento, la quale permette di percepire, da alcuni punti all’interno del complesso archeologico, gli spazi esterni favorendo il dialogo tra i resti archeologici e l’ambiente circostante. Anche al contrario, soprattutto nelle giornate ben soleggiate, è possibile intravedere parte dei resti archeologici del museo.

Museo Archeologico Almoina

Monastero San Miguel de Reyes
Monumenti e luoghi di interesse

Monastero di San Miguel de los Reyes

Fondato da Fernando di Aragona, duca di Calabria, la prima pietra fu posta nel 1548. Un complesso composto da monastero, centro culturale e chiesa. Dopo essere stato sconsacrato, l’edificio ha avuto diversi usi civili, tra cui quello di carcere. Attualmente è la sede della Biblioteca Valenciana.

Migliori ristoranti di Valencia
Guida Italiana Valencia

Dove mangiare bene a Valencia? I migliori ristoranti di Valencia

Sono molti i ristoranti a Valencia che offrono alla loro clientela una gastronomia corretta, cucine che elaborano i loro piatti utilizzando una buona materia prima, ma tanti altri che cercano il guadagno scegliendo ingredienti di bassa qualità per preparare la loro offerta culinaria. Con questo articolo vogliamo spiegarvi come conoscere i ristoranti a Valencia che lavorano bene e che lo fanno con passione verso il mondo gastronomico.

metro valencia
Muoversi a Valencia

Metro Valencia – Linee metropolitane

Sono quattro le zone in cui è suddiviso il servizio metro della città di Valencia. La più estesa ABCD che permette il tragitto aeroporto-centro città e viceversa. E la più centrale, zona A, che permette di raggiungere tutti i luoghi di interesse principali della città di Valencia.

Spazi e aree verdi
Cultura e Turismo di Valencia

Gli spazi e aree verdi non mancano nella città di Valencia

Passeggiare nei giardini, giocare con i bimbi nei parchi, rilassarsi sdraiati nel verde, eseguire attività sportive o leggere un libro in mezzo alla natura, sono diverse le attività che la città permette di fare grazie ai suoi molti spazi verdi.

Origini della festa Las Fallas
Conoscere Las Fallas

Origini della festa Las Fallas, una tradizione che si mantiene da secoli

Conoscere le origini della festa ci aiuta a comprendere il perché è nata questa importante celebrazione che ha ottenuto la dicitura di Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, nel 2016 da parte del Unesco. Cominciamo un percorso in grado di portarvi a comprendere questo gran aspetto cultural festivo che nello stesso tempo è un motore economico della città.