Centro archeologico Almoina

Il museo è il risultato di scavi effettuati tra il 1985 e il 2005 nell'area dell'attuale Plaza de la Almoina. Grazie a questi scavi sono stati recuperati resti archeologici della città dalle sue origini come città urbana romana, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.
Centro archeologico Almuina

Il Centro Archeologico Almoina è un grande spazio culturale aperto al pubblico nel 2007. Un museo che copre una superficie di circa 2.500 metri quadrati e ospita gli scavi archeologici effettuati dal Comune di Valencia tra il 1985 e il 2005.

Il museo archeologico si trova nella piazza che prende lo stesso nome, “Plaza de la Almoina”, alle spalle della Basilica e a pochi metri dalla Cattedrale di Valencia. “Almoina”, che in valenciano significa elemosina, era un’istituzione medievale di carattere caritatevole che distribuiva cibo e forniva sostentamento materiale ai più bisognosi della città. L’istituzione esercitava le sue proprie funzioni proprio nella zona di nostro interesse.

La necessità di spazi aperti della città permise la nascita del centro Archeologico Almoina

La demolizione degli edifici che occupavano questo spazio ha portato all’apertura di una grande piazza e in quest’ultima sono avvenuti gli scavi precedentemente citati e che hanno permesso di trovare i resti della città, dalle sue origini romane, ricordiamo che il 138 a.C. fu l’anno di fondazione, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.

Centro archeologico Almuina

Praticamente, entrando dalle porte del Centro Archeologico Almoina è possibile percorrere l’evoluzione della città di Valencia dalle sue origini ai tempi di Re Jaime I, che rammentiamo fu il Re che mise fine al dominio arabo nella città di Valencia nel 1238 d.C.

La piazza è caratterizzata da una gran vetrata che funge da pavimento, la quale permette di percepire, da alcuni punti all’interno del complesso archeologico, gli spazi esterni favorendo il dialogo tra i resti archeologici e l’ambiente circostante. Anche al contrario, soprattutto nelle giornate ben soleggiate, è possibile intravedere parte dei resti archeologici del museo.

Museo Archeologico Almoina

Emblema di Valencia
Simboli di Valencia

Emblema di Valencia

Per ripagare la lealtà e l’aiuto ricevuto da Valencia nella guerra denominata “dei due Pietri”, inizi del XIV, Pietro IV “il Cerimonioso” diede alla città di Valencia il diritto di fregiarsi della corona reale e dei colori dell’impero aragonese.

Chufa di Valencia
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Storia e coltivazione della Chufa di Valencia

Un tubero che ha scritto la storia dei prodotti alimentari tipici della Comunità Valenciana ed in particolar modo della zona nord di Valencia. Una pianta ed il suo tubero protetti dalle norme del Consiglio Regolatore della Denominazione d’Origine “Chufa de Valencia”

Statua di Rey Jaime I - Monumento di Valencia
Monumenti e luoghi di interesse

Statua di Rey Jaime I

La statua rappresenta la figura di Re Giacomo I d’Aragona, e la troviamo in “Plaza Alfonso el Magnánimo”. Questa rappresentazione fu inaugurata nel luglio 1890. La statua equestre fu scolpita nel legno e in seguito bagnata nel bronzo. Si utilizzarono 15 tonnellate di metallo.

Mercato di Colón
Monumenti e luoghi di interesse

Mercato di Colón

Il mercato di Colón nasce come punto d’incontro tra la domanda e offerta ortofrutticola, attualmente si presenta come area ricreativa, culturale e ristorativa. È uno degli edifici pubblici di Valencia più rappresentativi dell’espansione della città nei primi anni del XX secolo.

Terminologia della festa
Conoscere Las Fallas

Terminologia della festa

La terminologia utilizzata durante la festa Las Fallas, ma anche utilizzata quotidianamente dai valenciani durante l’intero anno, è curiosa e interessante, avendo a che fare con due lingue, il castigliano e il valenciano.