Centro archeologico Almoina

Il museo è il risultato di scavi effettuati tra il 1985 e il 2005 nell'area dell'attuale Plaza de la Almoina. Grazie a questi scavi sono stati recuperati resti archeologici della città dalle sue origini come città urbana romana, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.
Centro archeologico Almuina

Il Centro Archeologico Almoina è un grande spazio culturale aperto al pubblico nel 2007. Un museo che copre una superficie di circa 2.500 metri quadrati e ospita gli scavi archeologici effettuati dal Comune di Valencia tra il 1985 e il 2005.

Il museo archeologico si trova nella piazza che prende lo stesso nome, “Plaza de la Almoina”, alle spalle della Basilica e a pochi metri dalla Cattedrale di Valencia. “Almoina”, che in valenciano significa elemosina, era un’istituzione medievale di carattere caritatevole che distribuiva cibo e forniva sostentamento materiale ai più bisognosi della città. L’istituzione esercitava le sue proprie funzioni proprio nella zona di nostro interesse.

La necessità di spazi aperti della città permise la nascita del centro Archeologico Almoina

La demolizione degli edifici che occupavano questo spazio ha portato all’apertura di una grande piazza e in quest’ultima sono avvenuti gli scavi precedentemente citati e che hanno permesso di trovare i resti della città, dalle sue origini romane, ricordiamo che il 138 a.C. fu l’anno di fondazione, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.

Centro archeologico Almuina

Praticamente, entrando dalle porte del Centro Archeologico Almoina è possibile percorrere l’evoluzione della città di Valencia dalle sue origini ai tempi di Re Jaime I, che rammentiamo fu il Re che mise fine al dominio arabo nella città di Valencia nel 1238 d.C.

La piazza è caratterizzata da una gran vetrata che funge da pavimento, la quale permette di percepire, da alcuni punti all’interno del complesso archeologico, gli spazi esterni favorendo il dialogo tra i resti archeologici e l’ambiente circostante. Anche al contrario, soprattutto nelle giornate ben soleggiate, è possibile intravedere parte dei resti archeologici del museo.

Museo Archeologico Almoina

MUVIM - Museo illustrazioni
Musei ed esposizioni

MUVIM – Illustrazioni

Inaugurato nel 2001 il MUVIM, museo dell’Illustrazione e della Modernità, offre un’esposizione permanente, dove viene proposto un percorso all’interno della cultura occidentale, dal medioevo fino ai nostri giorni. In base alle stagioni e agli eventi organizzati a Valencia, sono le esposizioni temporanee ad attirare moltissimi visitatori.

Casa Vestuario - Tribunal de las Aguas
Monumenti e luoghi di interesse

Casa Vestuario – Tribunal de las Aguas

La Casa Vestuario si trova di fronte alla porta “degli Apostoli” della Cattedrale di Valencia e funge da sede per il Tribunal de Las Aguas, come luogo di riunioni e preparazione per i magistrati dello storico Tribunale, che si svolge ogni giovedì alle ore 12.

macchina a valencia
Arrivare a Valencia

Strade e autostrade per arrivare in macchina a Valencia

Con una macchina, se si arriva da Nord, cioè dalla Francia, bisogna prendere l’autostrada AP-7 direzione Barcellona, poi seguire per Castellón e successivamente per Valencia. Stesso discorso se si arriva da Sud, vale a dire da Almeria, Murcia, Alicante. Se la provenienza è dal centro Spagna, da Madrid, la superstrada da seguire è la A-3.

Comprare casa al mare con Go Cabanyal
Servizio immobiliare

Agenzia Go Cabanyal – Per affittare o comprare casa al mare

Utile ricevere informazioni corrette riguardo quello che si può o non si può fare una volta comprato casa al mare a Valencia. Nei quartieri marittimi per eccellenza della città di Valencia che vogliono mantenere la propria autenticità e bellezza artistica. Una agenzia immobiliare specializzata in questa zona ci viene incontro con tutti i servizi ed informazioni di cui abbiamo bisogno.

Origini della festa Las Fallas
Conoscere Las Fallas

Origini della festa Las Fallas, una tradizione che si mantiene da secoli

Conoscere le origini della festa ci aiuta a comprendere il perché è nata questa importante celebrazione che ha ottenuto la dicitura di Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, nel 2016 da parte del Unesco. Cominciamo un percorso in grado di portarvi a comprendere questo gran aspetto cultural festivo che nello stesso tempo è un motore economico della città.