Torres de Quart

Queste torri erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia. Le funzioni, oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, erano anche di magazzino e carcere femminile. L’inizio dei lavori di costruzione risale al 1441 e si diedero per terminate nel 1460.
Torres de Quart

Una delle grandi porte della muraglia medioevale: Torres de Quart

Le “torres de Quart” sono state una delle porte della muraglia medioevale cristiana di Valencia, sono orientate verso ovest e rappresentano l’accesso alla città dai paesi che si trovano dell’interno della penisola iberica.
Il nome “Quart” proviene dal latino “at quartum miliarium” che era la distanza alla quale si trovava il paese Quart de Poblet (paese che ha preso il nome anch’esso da questo latinismo).

Le “torres de Quart” erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia, furono costruite per sostituire una “porta” già esistente, molto più piccola, perché quest’ultima, alla vista, non dava il giusto valore all’importanza della città. Le altre tre “porte maggiori” della muraglia medioevale erano le “torres de Serranos” (torri di Serrano), la “Porta di San Vincente” e la “Porta del Mar”. Le ultime due nominate non esistono più perché sono state demolite nel 1865 assieme al resto della muraglia cristiana. Interessante la lettura dell’articolo “Curiosità e storia della muraglia di Valencia”.

In stile gotico sono state costruite nel XI secolo

Le “torres de Quart” si trovano all’intersezione tra “calle Quart” e “Calle Guillen de Castro”, sono alte 34 metri, un metro più alte delle torri del Serrano. Possiedono uno stile architettonico gotico arcaizzante. Francesc Baldomar è l’autore del progetto che cominciò a realizzarsi nell’anno 1441 e si concluse nell’anno 1469.
Lo stile delle torri di Quart imita le torri del castello di Castelnuovo che si trovano in Italia a Napoli. Quest’ultime costruite nel XV secolo dall’architetto maiorchino Guillem Sagrera.

Le diverse funzioni che hanno avuto le Torres de Quart

Le torri, nel tempo, hanno assunto diverse funzioni oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, come ad esempio, soso state utilizzate come magazzino e come carcere femminile. Nel XIX secolo le torri furono utilizzate come prigione militare da parte del Governo e nell’anno 1931, dopo essere state dichiarate Monumento Storico Artistico Nazionale, furono restituite alla città di Valencia.

Le torri sono visitabili al loro interno e l’ingresso possiede un costo pari a 2 euro dal lunedì al sabato, la domenica e festivi l’entrata è gratuita.

Giardini del Turia - Guida Valencia
Giardini e parchi

Giardini del Turia, un’opera ingegneristica e paesaggistica

Dopo che nel 1957 il fiume Turia, che attraversava la città di Valencia, straripò causando molte vittime ed ingenti danni, fu deciso di rivedere il sistema idrologico della città. Tra le varie azioni, il colossale lavoro di deviazione del corso del fiume. Da qui la nascita dei giardini del Turia.

Commissione fallera
Conoscere Las Fallas

La commissione fallera – Sue funzioni e organizzazione

La commissione fallera è un’associazione culturale senza scopo di lucro che possiede il fine di realizzare i monumenti artistici in occasione della festività del proprio santo. Tutto l’anno organizza, per e con i propri associati, diversi eventi culturali, di aggregazione e di festa. Possiede una organizzazione che in base a elezione democratica si rinnova di anno in anno.

Lonja de la seda
Monumenti e luoghi di interesse

Lonja de la seda

Dichiarato Monumento storico artistico Nazionale nel 1931 e Monumento Patrimonio dell’Umanità nel 1996 da parte dell’Unesco. È considerato come il più brillante esempio del periodo gotico civile europeo. Fu costruita tra il 1483 e il 1498 e si terminò nel 1548

Origini della festa Las Fallas
Conoscere Las Fallas

Origini della festa Las Fallas, una tradizione che si mantiene da secoli

Conoscere le origini della festa ci aiuta a comprendere il perché è nata questa importante celebrazione che ha ottenuto la dicitura di Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, nel 2016 da parte del Unesco. Cominciamo un percorso in grado di portarvi a comprendere questo gran aspetto cultural festivo che nello stesso tempo è un motore economico della città.

Fontana di Joaquín Sorolla
Fontane di Valencia

Fontana di Joaquín Sorolla

La fontana è praticamente un monumento dedicata al pittore valenciano Sorolla. Il mezzobusto realizzato da Mariano Benlliure Gil faceva parte di un monumento distrutto dalla “riada” del 1957 e si trovava sul lungomare. Nel 1962 fu traslato nell’attuale posizione e dopo alcuni anni completato il resto del monumento/fontana

Visitare Valencia
Guida Italiana Valencia

“Che bello conoscere Valencia con una persona che li ci vive”

Una frase che tutti noi affermiamo quando viaggiamo e abbiamo la fortuna di conoscere qualcuno che vive nella località da noi raggiunta. In questo caso, Valencia è la città che ospita da diversi anni Michele, responsabile di questo sito web, che mette a disposizione di tutti informazioni utili e consigli pratici per vivere al meglio Valencia, e conoscere la sua cultura festiva, la sua gastronomia ed i suoi spazi verdi, oltre che la sua storia, i suoi aspetti socio-economico e le possibilità di lavoro e di investimento che la città offre.