Torres de Quart

Queste torri erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia. Le funzioni, oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, erano anche di magazzino e carcere femminile. L’inizio dei lavori di costruzione risale al 1441 e si diedero per terminate nel 1460.
Torres de Quart

Una delle grandi porte della muraglia medioevale: Torres de Quart

Le “torres de Quart” sono state una delle porte della muraglia medioevale cristiana di Valencia, sono orientate verso ovest e rappresentano l’accesso alla città dai paesi che si trovano dell’interno della penisola iberica.
Il nome “Quart” proviene dal latino “at quartum miliarium” che era la distanza alla quale si trovava il paese Quart de Poblet (paese che ha preso il nome anch’esso da questo latinismo).

Le “torres de Quart” erano una delle quattro “porte maggiori” della città di Valencia, furono costruite per sostituire una “porta” già esistente, molto più piccola, perché quest’ultima, alla vista, non dava il giusto valore all’importanza della città. Le altre tre “porte maggiori” della muraglia medioevale erano le “torres de Serranos” (torri di Serrano), la “Porta di San Vincente” e la “Porta del Mar”. Le ultime due nominate non esistono più perché sono state demolite nel 1865 assieme al resto della muraglia cristiana. Interessante la lettura dell’articolo “Curiosità e storia della muraglia di Valencia”.

In stile gotico sono state costruite nel XI secolo

Le “torres de Quart” si trovano all’intersezione tra “calle Quart” e “Calle Guillen de Castro”, sono alte 34 metri, un metro più alte delle torri del Serrano. Possiedono uno stile architettonico gotico arcaizzante. Francesc Baldomar è l’autore del progetto che cominciò a realizzarsi nell’anno 1441 e si concluse nell’anno 1469.
Lo stile delle torri di Quart imita le torri del castello di Castelnuovo che si trovano in Italia a Napoli. Quest’ultime costruite nel XV secolo dall’architetto maiorchino Guillem Sagrera.

Le diverse funzioni che hanno avuto le Torres de Quart

Le torri, nel tempo, hanno assunto diverse funzioni oltre a quelle di difesa, d’entrata e d’immagine della città, come ad esempio, soso state utilizzate come magazzino e come carcere femminile. Nel XIX secolo le torri furono utilizzate come prigione militare da parte del Governo e nell’anno 1931, dopo essere state dichiarate Monumento Storico Artistico Nazionale, furono restituite alla città di Valencia.

Le torri sono visitabili al loro interno e l’ingresso possiede un costo pari a 2 euro dal lunedì al sabato, la domenica e festivi l’entrata è gratuita.

Piero Viajero en Las Fallas de Valencia
Las Fallas di Valencia

Il fumetto Piero Viajero

Un progetto editoriale per spiegare un gran aspetto culturale festivo della città: la festa Las Fallas di Valencia. Celebrazione di un’antica tradizione, di una consuetudine dei falegnami di festeggiare il loro santo, San Giuseppe. Per comprendere l’organizzazione e le motivazioni che muove più 100mila valenciani.

Cabalgata del ninot
Eventi Las Fallas

Cabalgata del ninot

La cabalgata del ninot è una sfilata di alcune commissioni che partecipano al concorso che premia la figura più simpatica, umoristica o satirica di tutte quelle che si presentano.

Convento di Santo Domingo
Monumenti e luoghi di interesse

Convento di Santo Domingo, dei Domenicani, dei Predicatori

Il convento nasce nel 1239 però a gestirlo e mantenerlo, attualmente, ci pensa il Ministero della Difesa. Quartier generale delle forze terrestri non impedisce la visita al complesso che grazie a visite guidate è possibile apprezzare la cappella reale, il claustro, il giardino, la sala capitolare, il sepolcro, la sala del trono e la cappella di San Vicente

Lonja de la seda
Monumenti e luoghi di interesse

Lonja de la seda

Dichiarato Monumento storico artistico Nazionale nel 1931 e Monumento Patrimonio dell’Umanità nel 1996 da parte dell’Unesco. È considerato come il più brillante esempio del periodo gotico civile europeo. Fu costruita tra il 1483 e il 1498 e si terminò nel 1548