Stazione dei treni -Estación del Norte

La struttura imponente ed i tocchi decorativi fanno sì che la “Estación del Norte” sia un bellissimo esempio di modernismo valenciano. Inaugurata nel 1917, la stazione possiede decorazioni che rappresentano motivi peculiari regionali e prodotti della campagna valenciana, emergendo tra tutti l’arancia.
Stazione dei treni Norte

La stazione dei treni conosciuta come “Estación del Norte” nacque come “Estación de Ferrocarriles de la Compañía del Norte” per cui è facile capire e motivare il suo attuale nome.

Breve storia della stazione dei treni di Valencia

La sua realizzazione cominciò nel 1906 e durante questo processo i treni attraversavano la sua facciata. Sembra strano a dirsi però era la realtà del tempo, per capire questo fatto dobbiamo fare due passetti indietro nel tempo.

La prima stazione dei treni che ha avuto Valencia fu costruita nel 1851 e si trovava nell’attuale Plaza Ayuntamiento, nel luogo dove oggi possiamo trovare l’edificio “Telefonica” e “Equitativa”. Praticamente, guardando la facciata dell’attuale palazzo del Comune, la vecchia stazione occupava lo spazio dove ora sorgono i palazzi che rimangono alla nostra sinistra, dove troviamo anche il negozio ufficiale del Valencia Calcio.

Nel momento in cui si cominciò a costruire la nuova stazione dei treni vi era la necessità di non bloccare il servizio ferroviario e, per questo motivo, furono create due porte aperte nella nuova facciata che permettevano il passaggio della locomotiva e dei vagoni per poter arrivare alla stazione al momento operativa. Questo permise la coesistenza dell’avanzamento dei lavori della nuova stazione senza interrompere il servizio ferroviario del tempo.

Stazione dei treni del Norte

La nuova stazione dei treni, decorazioni e molti colori

Nell’agosto del 1917 si inaugurò la nuova stazione dei treni di Valencia e l’edificio della vecchia stazione venne demolito. In stile modernista, la decorazione della sua facciata e della sala spicca alla vista dei viaggiatori e dei visitatori.
La facciata principale della stazione dei treni di Valencia è rientrata rispetto le due torri che s’innalzano ai due lati. Ceramica dai colori vivaci, sia all’esterno che all’interno, viene utilizzata nei mosaici e “trencadís” che riproducono motivi emblematici tipici della Comunità Valenciana e prodotti della campagna valenciana, con l’arancia che spicca su tutti.
Nel 1961 l’edificio è stato dichiarato Monumento Storico Artistico Nazionale.

La sala dei mosaici

Da segnalare la bellezza della “sala dei mosaici”, spazio che a suo tempo era una caffetteria, ma che ora viene dedicato a esposizioni di diversa natura artistica. Le diverse scene rappresentate nelle pareti alludono alla ricchezza agricola di Valencia, ai suoi paesaggi come le risaie, alle baracche valenciane e alla maestosità del campanile della Cattedrale di Valencia “El Miguelete”. La sala la troviamo a destra entrando nella stazione, a fianco dell’ufficio informazioni.

La biglietteria ed i diversi titoli di viaggio

La biglietteria ci permette di acquistare titoli di viaggi brevi o lunghi, oppure di accedere al servizio conosciuto come “Cercanias” che collega i vari paesi limitrofi alla città di Valencia e che consigliamo di utilizzare per visitare le bellezze dell’entroterra valenciano e le attrattive spiagge che è possibile raggiungere grazie a questo servizio. Per quast’ultimo servizio vi suggeriamo di utilizzare le diverse biglietteria automatiche che troviamo nella sala non appena entriamo.

Dalla stazione Norte è possibile raggiungere a piedi o tramite navetta gratuita la vicina stazione “Joaquín Sorolla” dedicata ai treni d’alta velocità, conosciuti in Spagna come AVE (Alta Velocidad Española).

Attorno alla stazione dei treni

Guardando la facciata della stazione, a sinistra possiamo notare la bellezza della “Plaza de Toros” e dando le spalle alla facciata possiamo notare la vicinanza con Plaza Ayuntamiento. Consigliamo di leggere l’articolo dedicato alla descrizione di questa zona.

La stazione dei treni, è ben collegata a tutta la città attraverso diverse linee di autobus urbani EMT e grazie anche alla fermata del metro chiamata “Xativa” che si trova giusto di fronte. Consigliamo la lettura degli articoli dedicati al trasporto pubblico degli autobus e della metro.

Tramite il sito ufficiale è possibile controllare gli orari dei diversi treni a livello nazionale ed acquistare i differenti titoli di viaggio.

Pirotecnica - Storia ed Arte
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Storia della pirotecnica e dei fuochi artificiali

La pirotecnica ha sempre accompagnato l’uomo e la sua storia. Al giorno d’oggi gli attribuiamo un’accezione prevalentemente ludica e civile grazie agli spettacoli pirotecnici dei fuochi artificiali, ma nei secoli passati la pirotecnica era viva all’interno del mondo militare e veniva utilizzata soprattutto per fini bellici.

Agua de Valencia
Piatti tipici e bevande tipiche

Agua de Valencia – Storia di un cocktail valenciano

L’Agua de Valencia è un cocktail che diventò in poco tempo molto popolare a Valencia e nelle zone limitrofi. La storia di come è nato questo drink è curiosa e la sua fama perdura ancora nei giorni nostri. Concediti un drink.

Valencia in crociera
Arrivare e Muoversi a Valencia

Consigli per quando si arriva a Valencia in crociera

Il poco tempo a disposizione è ciò che detta gli spostamenti a chi arriva a Valencia con la nave da crociera. È necessario, se si va per conto proprio, sapere come poter ottimizzare la qualità e la durata della propria visita alla città.

Horchata de Chufa de Valencia
Piatti tipici e bevande tipiche

Horchata de Chufa – Bevanda tipica valenciana

Ad Alboraia, comune che si trova a pochi km da Valencia, viene coltivata la chufa, un tubero dal quale si parte per l’elaborazione della famosa bevanda Horchata, da non confondere con la orzata. Sono molte le sue caratteristiche organolettiche e i suoi benefici.

Monastero San Miguel de Reyes
Monumenti e luoghi di interesse

Monastero di San Miguel de los Reyes

Fondato da Fernando di Aragona, duca di Calabria, la prima pietra fu posta nel 1548. Un complesso composto da monastero, centro culturale e chiesa. Dopo essere stato sconsacrato, l’edificio ha avuto diversi usi civili, tra cui quello di carcere. Attualmente è la sede della Biblioteca Valenciana.