El Almudín – centro esposizioni

Era l’edificio in cui si conservava e immagazzinava il grano per la vendita e consumo nella città di Valencia. La parola araba “almud” era l’unità di misura del grano al tempo, da qui il suo nome. Costruito nel XIV secolo attualmente ospita un museo e sale per esposizioni
El Almudín

A Valencia, un gran rappresentante dello stile gotico valenciano è un edificio che ancora in molti non conoscono: “El Almudín”. Ci troviamo nella zona alle spalle della Basilica, a poche decine di metri da “Plaza de la Virgen”.

La funzione storica dell’edificio fu quella di stoccaggio di grano e altri cereali destinati alla vendita e distribuzione nella città di Valencia. “El Almudín” fu realizzato agli inizi del XIV secolo e rispondeva all’esigenza di creare dei magazzini con i quali contrastare le carenze alimentari che in quell’epoca minacciavano la sopravvivenza delle persone.  Il nome “almudín” deriva dalla parola araba “almud” che era un’unità di misura per i cereali usata all’epoca.

L’edificio “el almudín” in origine

In origine era più piccolo e possedeva un cortile aperto al suo interno. Fu grazie alla ristrutturazione e migliorie apportate nel XV e XVI secolo che acquisì l’aspetto che oggi possiamo apprezzare. Tra le tante variazioni architettoniche troviamo la realizzazione della copertura dello spazio aperto e la costruzione del portico d’entrata che apre su “Plaza San Luis Beltrán”. Portico che per un tempo fu “accecato” nel XIX secolo e riscoperto con la ristrutturazione del XX secolo.

L’interno dell’edificio è diviso in tre navate, quella centrale più larga e più alta di quelle laterali, separate da archi semicircolari sostenuti da pilastri. Il tetto è tutto in legno, con la navata centrale bifacciale e più alta.

El Almudín
Fonte foto: inspain.org

Nel corso del XVII secolofurono realizzati i dipinti che decorano tre delle pareti interne dell’edificio. Questi, fanno riferimento all’ingresso del grano, agli schemi delle gilde coinvolte nell’operazione e nell’organizzazione del commercio che “el almudín” albergava e alle immagini del mondo popolare, sociale e religioso.

L’edificio acquisisce una funzione museale e poi espositiva

Tra il 1906 ed il 1991 “El almudín” ospitò il museo di paleontologia, quest’ultimo fu precursore della nascita del museo delle scienze naturali ubicato attualmente all’interno dei giardini reali, “de los viveros”.

Tra il 1993 e il 1996 l’edificio è stato completamente restaurato con l’obiettivo di riportarlo il più possibile alla sua configurazione originale e di trasformarlo in uno spazio museale. Attualmente l’edificio è di proprietà comunale ed è dedicato ad esposizioni e mostre temporanee.

 

La Mocadorà - Una tradizione valenciana
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

La Mocadorà – Una tradizione valenciana

La “Mocadorà” o Mocadorada è una tradizione popolare della città di Valencia. Si celebra nel giorno della Comunità Valenciana, cioè il 9 di Ottobre, giornata in cui si festeggia anche il patrono degli innamorati valenciani, San Dionisio.

Concorsi e premi della festa Las Fallas
Conoscere Las Fallas

Concorsi e premi della festa

Non ci sono premi in denaro per le associazioni culturali che organizzano nel loro territorio i diversi eventi e la costruzione della propria falla. Come premi i concorsi della festa ricevono gagliardetti e targhe che documentano i risultati ottenuti.

Documenti necessari
Vivere a Valencia

Documenti necessari per vivere a Valencia

Sono diversi i documenti che bisogna richiedere per poter attuare all’interno del sistema lavorativo, economico e sanitario della città di Valencia, come in tutta Spagna. Documenti obbligatori per essere in regola con la legislatura vigente e alcuni consigliati per meglio affrontare le diverse situazioni che si possono presentare durante il nostro vivere a Valencia.

Nit de Foc
Eventi Las Fallas

Nit de Foc – La notte di fuoco

Grande spettacolo pirotecnico che da inizio all’ultimo giorno della festa Las Fallas. La notte del 18, presso i giardini del Turia, lo spettacolo richiama migliaia di persone.