Il ponte di Calatrava – Assut de l’Or

Il ponte di Calatrava, L'Assut de L'Or, è costruito in acciaio e cemento bianco ed unisce la circonvallazione nord e sud di Valencia. È un elemento della Città delle Arti e delle Scienze. Inizio dei lavori nel 2004 e inaugurazione nel 2008.
Ponte di calatrava - L'Assut de L'Or

Il gran ponte che si trova tra l’edificio Ágora e il Museo delle Scienze “Principa Felipe” della Città delle Arti e delle Scienze viene chiamato, dalla maggior parte delle persone, “el Jamonero” per la sua forma simile al supporto utilizzato per tagliare a mano il prosciutto crudo spagnolo (el Jamón), oppure semplicemente il “ponte di Calatrava” in riferimento all’architetto valenciano che lo ha realizzato.

Il vero nome del ponte di Calatrava

Il suo vero nome però è “Assut de l’Or” e fa riferimento alla vecchia “diga”, al bacino idrico che esisteva nella zona prima dell’esecuzione della deviazione del fiume Turia per evitare le devastanti inondazioni che la città stava subendo (realizzazione del “Plan Sur”).
Questa “diga” permetteva al livello dell’acqua del fiume di salire e di conseguenza, grazie al canale d’irrigazione chiamato “Or”, venivano irrigati le campagne vicini. L’edificio che gestiva il corso dell’acqua in quel punto lo possiamo trovare ristrutturato nelle vicinanze del ponte.

La struttura del ponte

Lungo 180 metri e largo 34, il ponte di Calatrava copre una campata di 155 metri. È composto da una parte centrale, da cui parte un pilone alto 125 metri che permette di tendere i 29 cavi d’acciaio che sostengono il ponte, e dagli elementi laterali, 72 coste, che consentono di sorreggere le carreggiate, 3 per ogni senso di marcia. Costruito in cemento bianco e acciaio, elementi che contraddistinguono tutto l’operato dell’architetto Calatrava.

Un ponte criticato, ma di notevole importanza

Il ponte “L’Assut de l’Or” è stato inaugurato definitivamente nel dicembre 2008, ma aperto al traffico per alcuni giorni in concomitanza dell’evento della Formula 1 nell’agosto del 2008. Pochi mesi dopo l’inaugurazione, causa l`’accentuata pendenza del ponte, il Comune si è visto costretto a modificare la segnaletica stradale e ad installare dei semafori proprio sul ponte, per evitare incidenti stradali dopo la morte di due automobilisti in soli cinque mesi di apertura al pubblico.

Un ponte che snellisce molto il traffico della città di Valencia e che unisce la circonvallazione nord e sud attraverso la “superstrada del Saler” e la “calle Menorca – Serreria”.
Maggiori informazioni è possibile consultarle la pagina wikipedia riguardo questo ponte di Calatrava.

Condividi con i tuoi amici:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Maestro Serrano - Musicicsta
Personaggi storici

Maestro Serrano – Musicista compositore

Un personaggio importante per la città di Valencia, sempre molto attivo in tutti i diversi campi a cui ha partecipato, dalla politica al giornalismo, dalla poesia alla direzione di diversi film.

Presepi a Valencia
Eventi Valencia

Meravigliarsi con i presepi a Valencia, dove trovarli

In attesa della festa della Comunità Valenciana del 9 ottobre, che ricorda l’entrata storica di Re Jaime I nella città di Valencia con la conseguente sconfitta dell’impero arabo nel 1238, la Federazione Valenciana dei Mori e Cristiani organizza due spettacolari eventi: “Embaixades De La Conquesta” e “Alardo De Arcabuceria”.

Emblema di Valencia

Per ripagare la lealtà e l’aiuto ricevuto da Valencia nella guerra denominata “dei due Pietri”, inizi del XIV, Pietro IV “il Cerimonioso” diede alla città di Valencia il diritto di fregiarsi della corona reale e dei colori dell’impero aragonese.

El Almudín – centro esposizioni

Era l’edificio in cui si conservava e immagazzinava il grano per la vendita e consumo nella città di Valencia. La parola araba “almud” era l’unità di misura del grano al tempo, da qui il suo nome. Costruito nel XIV secolo attualmente ospita un museo e sale per esposizioni

Cultura del riso a Valencia
Curiosità di Valencia - Lo sapevate che?

Il riso a Valencia

A Valencia, la coltivazione e la lavorazione del riso, in spagnolo “arroz”, sono protette dalla Denominazione d’Origine conosciuta con il nome “Arroz de Valencia” e le varietà valenciane più coltivate e conosciute sono “Bomba”, “Senia” e “Albufera”.

Centro archeologico Almuina
Musei ed esposizioni

Centro archeologico Almoina

Il museo è il risultato di scavi effettuati tra il 1985 e il 2005 nell’area dell’attuale Plaza de la Almoina. Grazie a questi scavi sono stati recuperati resti archeologici della città dalle sue origini come città urbana romana, passando per il periodo musulmano, visigoto e medioevale.