Nit de la cremà – Il gran finale

Il fuoco è l’elemento principe di questo evento, le sue fiamme purificano, chiudono un anno e ne aprono un altro. La città brucia in maniera controllata e in un’atmosfera di festa e diversione, ma non mancano le lacrime che accompagnano il finale di un anno di lavoro, di sacrifici e di gran sentimento di aggregazione che descrive ogni commissione fallera. La cremà nello stesso tempo rappresenta il finale di una edizione della festa e l’inizio di quella successiva.
Nit de la Cremà - Las Fallas

Il giorno clou della festa della Fallas, è senza dubbio il 19 marzo, giorno di San Giuseppe (San José). È il giorno della “Nit de la Cremà” delle fallas, del bruciare i monumenti realizzati. Durante il giorno 19 terminano tutti gli atti ufficiali delle commissioni falleras, manca solamente l’omaggio che la Giunta Centrale della Fallas realizza al suo patrono San José. Tutti vivono la festa, valenciani e turisti, le strade si riempono di gente e le fallas più grandi ricevono milioni di visite.

Arriva il gran finale della festa: “la nit de la cremà”

Il procedimento per appiccare il fuoco alle fallas è simile per tutte le commissioni, sia grandi che piccole, in punti strategici si dispongono petardi di vario genere e materiale pirotecnico, che con il bruciare della struttura si accendono e scoppiano creando una situazione di spettacolo visivo e sonoro. La “Fallera mayor” di ogni commissione s’incarica di accendere il fuoco che darà fine al suo “regno”.

Alle 10 di sera vengono bruciate tutte le “fallas infantiles” e alle 22.30 arde la “falla infantil” che ha ottenuto il primo premio e alle 23 il fuoco finisce con la “falla infantil” municipale, costruita in Plaza del Ayutamiento.

Però questo è solo l’inizio, a mezzanotte viene dato fuoco a tutte le fallas grandi. Alle 00.30 si darà fuoco alla struttura vincitrice e alle ore 1:00 il fuoco porterà via la falla municipale.

Ricordiamo che tutte le commissioni fallere anticipano l’inizio della “cremà” con spettacoli pirotecnici.

Il rituale della cremà di una falla ha bisogno di tempo, la parte centrale della struttura, solitamente la più alta, deve cadere verso il basso e non lateralmente, altrimenti le critiche sono garantite. Il cadere verso il basso e non lateralmente significa che la struttura è stata ben costruita ed è stata ben bruciata.

Fuoco purificatore nella notte di San José

Le fallas sono costruite di cartone, cartapesta, legno e materiali plastici, quando gli si dà fuoco devono passare alcuni minuti prima di avere la sicurezza che non si spenga, ed è in questo momento che i valenciani della commissione e le persone incaricate dello spettacolo si lasciano andare in un sospiro di sollievo, segnale di soddisfazione e di un lavoro ben fatto.

Nit de la Cremà: fine dell’edizione in corso o l’inizio di quella succesiva?

Quando le fiamme smettono d’ardere, rimangono solamente le ceneri della falla e normalmente falleros e falleras ballano attorno a queste per continuare la festa che sta finendo, però la festa non finisce, perché in questo stesso momento comincia las Fallas dell’anno seguente.

Come abbiamo detto prima, a mezzanotte sono bruciate tutte le Fallas grandi. Solamente quella che ha vinto il primo premio di tutte le categorie, è bruciata alle 00.30. Questo perché normalmente si assiste allo spettacolo di bruciare la Fallas del proprio quartiere e poi si corre a vedere quella del primo premio oppure direttamente in Plaza Ayutamiento dove a l’una di notte verrà bruciata la Falla del Comune.

Con la “cremà” di questa Falla si dà per terminato la Fallas dell’anno, ma come già detto è l’inizio di quella dell’anno che viene. Si può dire che la festa che è appena finita è appena iniziata.

Per ufficializzare la fine della festa, gli altoparlanti disposti in Piazza Ayutamiento suonano l’inno regionale, cantato in coro da tutti gli assistenti, le commissioni, e tutti i presenti in Piazza.

Video relativo a questo evento che mette termine l’edizione della Fallas:

Se leggi “Piero Viajero”, fumetto in grado di spiegare per filo e per segno la festa Las Fallas, facci sapere se ti è piaciuto.

Maximiliano Thous Orts
Personaggi storici

Maximiliano Thous Orts – Poeta e Giornalista

Un personaggio importante per la città di Valencia, sempre molto attivo in tutti i diversi campi a cui ha partecipato, dalla politica al giornalismo, dalla poesia alla direzione di diversi film.

Museo di storia di Valencia
Musei ed esposizioni

Museo di storia della città di Valencia

Il museo di storia di Valencia ci racconta l’evoluzione della città dalle sue origini all’attualità. Si trova all’interno di un edificio che ben rappresenta l’architettura industriale dell’ottocento e che fu il primo deposito d’acqua che ha avuto la città.

Stadio del Valencia - Mestalla
Impianti sportivi

Lo stadio del Valencia calcio – Mestalla

Il Mestalla è il nome dello stadio della squadra di calcio Valencia Football Club. Viene così denominato per lo storico canale d’irrigazione della campagna valenciana, la “acequia de Mestalla”, che si trovava nella zona della gradinata sud dello stadio.

metro valencia
Muoversi a Valencia

Metro Valencia – Linee metropolitane

Sono quattro le zone in cui è suddiviso il servizio metro della città di Valencia. La più estesa ABCD che permette il tragitto aeroporto-centro città e viceversa. E la più centrale, zona A, che permette di raggiungere tutti i luoghi di interesse principali della città di Valencia.

Tessera sanitaria SIP - Medico di famiglia
Documenti in regola

Assistenza sanitaria e medico di famiglia a Valencia

Per ottenere assistenza sanitaria a Valencia e farsi attribuire un medico di famiglia, medico de cabecera, bisogna rivolgersi al centro sanitario del quartiere in cui si è domiciliati. Nell’articolo tutta la documentazione necessaria per ottenere e richiedere la tessera sanitaria, che ci permetterà di scegliere il nostro medico.