Curiosità delle Fallas

Le curiosità delle Fallas sono molte ed interessanti e ci permettono di capire quanto è grande questa festa e perché viene considerata un motore economico per la città di Valencia.
Curiosità delle Fallas

Le curiosità della festa assieme a simpatiche situazioni peculiari, rendono Las Fallas ancor più interessante, se si analizzano anche le difficoltà dell’organizzazione di un evento di questa portata. Sono migliaia le persone che arrivano a Valencia nella settimana fallera.

Le grandi dimensioni delle fallas

Le grandi dimensioni dei monumenti artistici e la vicinanza delle case e degli edifici, vincolano l’intervento del corpo dei pompieri, che si vede obbligato ad inumidire le pareti degli edifici, alberi, e tutto ciò che può essere danneggiato dal fuoco nell’ultima notte, il 19 marzo.

Benché gli orari della “cremá”, evento che mette fine all’edizione della festa durante il quale si bruciano tutte le fallas, siano ben definiti dal programma ufficiale, sono molte le fallas che vengono bruciate in altri orari durante la notte. Questo perché è importante poter dare il tempo ai pompieri di spostarsi da una falla all’altra per garantire la sicurezza delle persone ed evitare danni agl’edifici e al mobilio cittadino e naturale. Questa necessità diventa motivo di continuazione della festa per turisti e cittadini. È possibile, organizzandosi, vivere diverse “cremà” nella stessa notte.

Una città in fiamme

È uno spettacolo a dir poco scioccante, il veder ardere le fallas dall’alto è impressionantemente bello e curioso. Si pensi alla gran quantità di monumenti in fiamme, dalle 22 a notte inoltrata, a cui va sommato il gran numero di spettacoli pirotecnici che anticipano e accompagnano il fuoco della Cremà. Risultato: una città in fiamme!

Curiosità delle Fallas: Il servizio pulizia

Dopo la notte di San José, le strade rimangono piene di cenere, di resti pirotecnici e di residui lasciati dalla gente. Sono tonnellate d’immondizia, che il servizio municipale di pulizia raccoglie per lasciare pulite le strade da ostacoli che potrebbe intralciare la circolazione dei veicoli. La festa è finita e la città deve ritornare alla vita di sempre, pulita e con traffico scorrevole.

Ma lo sforzo del servizio pulizia non avviene solo nella notte della Cremà, bensi durante tutto il periodo della settimana fallera e ogni qualvolta uno degli eventi del mondo fallero richiama migliaia di persone. Pensiamo che cosa può lasciare in strada il passaggio di un milione di persone in una sola città.

Tutte queste curiosità le possiamo trovare descritte, assieme ad altre tante caratteristiche della festa Las Fallas, all’interno del primo fumetto scritto per spiegare questa gran festa. Cercate e leggete “Piero Viajero”, lo si può trovare in spagnolo, inglese ed italiano.

Alcuni numeri della festa

Le commissioni falleras a Valencia sono poco meno di 400 e realizzano due monumenti artistici cadauno, uno “mayor” e l’altro “infantil”, quindi durante l’ultima notte della festa vengono bruciati più di 700 monumenti. Questi monumenti sono costruiti nelle piazze o incroci di strade, immaginate la quantità di strade bloccate al traffico durante tutta la settimana fallera in tutta Valencia. È comprensibile anche l’irritazione di qualche valenciano che vive in una zona della città molto “fallera” e che deve andare al lavoro in auto tutti i giorni, con i rallentamenti del traffico e le difficoltà nel trovare parcheggio.

Sono molte le persone che sono iscritte ad associazioni fallere, si parla, che il mondo fallero sia composta da più di 110mila persone. A questo numero dobbiamo aggiungere tutti i componenti delle bande musicali che accompagnano nelle sfilate e negli eventi le diverse commissioni, sommiamo anche la quantità di artisti falleros e dipendenti del laboratorio, addetti alla sicurezza come polizia locale, polizia nazionale e pompieri, servizi di emergenza sanitaria e croce rossa. Una gran quantità di persone che partecipano, lavorano e vivono attorno all’arte effimera che caratterizza il monumento fallero.

Curiosità delle Fallas: un motore economico della città

Las Fallas non è solo una tradizione festiva della città di Valencia, ma è anche un motore economico non indifferente. Basta pensare a tutto il lavoro indotto che viene creato grazie alla quantità delle persone partecipano alla realizzazione della festa e alla gran durata di quest’ultima.

Pensiamo al settore abbigliamento, alla realizzazione dei vestiti femminili e maschili che tanto colorano le strade di Valencia.Pensiamo alle acconciature ed al trucco utilizzato per far splendere la bellezza del mondo femminile fallero.
Consideriamo tutto ciò che è accoglienza turistica, hotel, alberghi, appartamenti, ristoranti, bar, etc, e a tutte le aziende che operano per fornire il necessario affinché l’accoglienza possa lavorare.

Pensiamo ai trasporti speciali e alle figure professionali coinvolte nel movimento e montaggio dei componenti di una falla, alle aziende che affittano gru elevatrici e carrelli sollevatori. Pensiamo a tutti coloro permettono la gran illuminazione presente durante l’ultimo periodo della festa Las Fallas. In poche parole, la festa las Fallas è un gran motore economico per l’intera città.

Il nostro percorso fallero continua con la lettura e visione dei concorsi e premi interni alla festa.

Bus Turistico Valencia
Muoversi a Valencia

Tour per Valencia con il bus turistico

Il Bus turistico di Valencia offre la possibilità di vedere e conoscere la città stando comodi. Biglietti che durano 24 o 48 ore, che possiamo utilizzare per spostarci tra i vari monumenti e luoghi di interesse di Valencia e arrivare nella zona marittima per visitare la marina di Valencia.

macchina a valencia
Arrivare a Valencia

Strade e autostrade per arrivare in macchina a Valencia

Con una macchina, se si arriva da Nord, cioè dalla Francia, bisogna prendere l’autostrada AP-7 direzione Barcellona, poi seguire per Castellón e successivamente per Valencia. Stesso discorso se si arriva da Sud, vale a dire da Almeria, Murcia, Alicante. Se la provenienza è dal centro Spagna, da Madrid, la superstrada da seguire è la A-3.

Documenti necessari
Vivere a Valencia

Documenti necessari per vivere a Valencia

Sono diversi i documenti che bisogna richiedere per poter attuare all’interno del sistema lavorativo, economico e sanitario della città di Valencia, come in tutta Spagna. Documenti obbligatori per essere in regola con la legislatura vigente e alcuni consigliati per meglio affrontare le diverse situazioni che si possono presentare durante il nostro vivere a Valencia.

Inno della Comunità Valenciana
Inni e canzoni tradizionali

Inno della Comunità Valenciana

In occasione della “esposizione regionale Valenciana del 1909”, il Maestro Serrano e Massimiliano Thous Orts, composero l’inno su commissione del presidente del “Ateneo Mercantil di Valencia” ,solo successivamente fu accettato come simbolo per l’intera Comunità.

Cattedrale di Valencia
Monumenti e luoghi di interesse

Cattedrale di Valencia

La Cattedrale sorge in un luogo che già apparteneva nel passato ad un tempio romano e poi ad una moschea musulmana. Un insieme di stile Barocco, Gotico e Romanico. La sua costruzione è cominciata tra il 1276 e il 1288 e terminata nel 1354.

Trasporto extraurbano Valencia
Muoversi a Valencia

Servizio trasporto extraurbano: MetroBus

“Autocares Herca” è l’azienda che gestisce principalmente i tratti che collegano Valencia con le spiagge che si trovano a sud della città e il parco naturale denominato l’Albufera.