Plaza almoina - punto storico archeologico

Plaza de la Almoina

La piazza che troviamo dietro la Basilica della Vergine degli abbandonati è conosciuta come la Plaza de la Almoina e fu la principale piazza della antica città romana, centro nevralgico nel quale si svolgeva la vita pubblica, culturale ed  economica del tempo. Ricordiamo che Valencia fu fondata dai romani nel 138 a.c.

"Almoina" è una parola valenciana che in castigliano significa "limosna", cioè elemosina.
La "Almoina" era una un'istituzione medioevale di carattere benefico che principalmente distribuiva cibo tra i più bisognosi della città. La demolizione degli edifici utilizzati da questa istituzione diede luogo alla nascita della piazza che ricevette il nome dell'istituzione.

Sotto la piazza furono trovati i resti, grazie agli scavi che furono realizzati tra il 1985 e il 2005, di ciò che fu la città romana antica. Entrando dalle porte del museo archeologico appositamente realizzato, è possibile percorrere l'evoluzione della città di Valencia dalle sue origini ai tempi di Re Giacomo I, Jaime I, 1238 a.c.

Il sottosuolo archeologico visitabile occupa una superficie di 2.500 m2, e si suppone che sotto il pavimento della Plaza de la Virgen, della Basilica e della Cattedrale ci siano ulteriori resti della fondazione della città da scoprire, ma finora non è stato possibile lo scavo archeologico.

All'aria aperta la recente piazza presenta un'area in vetro tramite la quale è possibile intravedere parte dei resti romani sotterranei.